Economia

Economia

Enel One, vuole diventare il Netflix energia

E' già stato ribattezzato il Netflix dell'energia

0

0

0

0

0

Enel One, vuole diventare il Netflix energia Enel One, vuole diventare il Netflix energia

MILANO - E’ già stato ribattezzato il Netflix dell’energia. Si tratta di Enel One, la punta di diamante delle offerte Enel e, più in generale, dell’intero mercato elettrico, che propone ai clienti un abbonamento mensile fisso. Ogni famiglia può scegliere uno dei cinque piani tariffari a disposizione e poi, da quel momento, tutto è compreso. Si parte dal piano Mini, con 100 kilowattora al mese a un prezzo di 32 euro mensili, passando per i piani Basic, Plus e Super, fino ad arrivare all’offerta Ultra per i grandi consumatori d’energia, con 370 kilowattora a 79 euro. Altra importante caratteristica dell’offerta (l’energia erogata è al 100% verde) è la sua grandissima versatilità e flessibilità: se per caso, nel corso del mese, una famiglia dovesse sforare il suo abbonamento in eccesso o in difetto, l’equivalente economico di ciò che non consuma o del maggior utilizzo dell’energia, andrà a finire in una sorta di salvadanaio energetico, chiamato E-Box. Ogni 12 mesi, o al raggiungimento di 45 euro di credito poi, il contenuto del salvadanaio viene monetizzato con un accredito o un addebito direttamente sulla ricevuta.

Tramite un’app è possibile tenere sotto controllo i consumi, ma anche cambiare il proprio piano (per esempio prevedendo di consumare meno in agosto e di più nei mesi invernali), ricevere degli alert nel momento in cui si è vicini allo sforo della soglia di consumo o addirittura, in prossimità del fine mese. Interazioni fatte tutte in tempo reale solo grazie ai contatori di nuova generazione 2G, sui quali poggiano le nuove offerte di Enel. Al momento in Italia ne sono già stati installati circa 17,5 milioni ma nel giro di un paio d’anni un pò tutto il Paese si doterà di questi strumenti innovativi. ’’I motivi che ci hanno spinto a proporre ai nostri clienti delle nuove offerte sono due - ha spiegato all’Italpress, Nicola Lanzetta, amministratore unico di Enel Energia -: quello principe è che abbiamo riscontrato una evoluzione nei loro comportamenti. Ci richiedono nuovi tipi di offerte personalizzate, legate ad una facilità d’uso e ad una facile configurazione. Inoltre, ci ha spinto in questa direzione l’evoluzione delle infrastrutture e la disponibilità del digitale.

Innovazioni che ci hanno convinto che fosse il momento di offrire ai nostri clienti delle nuove offerte, più adatte alle nuove abitudini’’. Altra caratteristica importante è il prezzo unico riportato nella nuova ricevuta totalmente elettronica (con effetti positivi anche dal punto di vista della sostenibilità, visto che ridurrà l’uso della carta e dell’attività di trasporto e consegna), riporterà una sola voce, e sarà totalmente digital dal punto di vista di pagamento, del riscontro, della verifica e dell’analisi dei consumi. ’’Ci rivolgiamo sia ai clienti che abbiamo, che a quelli che ancora non sono con noi - ha concluso Lanzetta -. In questo momento c’è anche un ulteriore motivo per scegliere Enel One, che è rappresentato da un bonus di 20 euro gratuiti per chi passa ad Enel Energia e che, dal 3 Dicembre, diventerà 120 euro’’.  

0

0

0

0

0

Diventare
Obiettivo
Enel
Italpress
Netflix
Enel one
Articolo diItalpress

Collaboratore

Commenti
Enel One, vuole diventare il Netflix energia
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Cda Webuild, con Astaldi ricavi fino 8,3 miliardi nel 2023
News Successiva
Alex Vinatzer nuovo testimonial di Banca Generali