Appuntamenti

Giuseppe Ferlito al Donnafugata di Ragusa Ibla

Con Novecento

0

0

0

0

0

Giuseppe Ferlito al Donnafugata di Ragusa Ibla Giuseppe Ferlito al Donnafugata di Ragusa Ibla

Ragusa  - Domani e domenica al Donnafugata di Ibla il ragusano Giuseppe Ferlito porta in scena la storia di Danny Boodmann t.d. Lemon Novecento. “Novecento” è un atto unico in cui musica, poesia ed armonia si fondono in modo avvincente e convincente. Un testo di “parole” che penetrano l’anima commuovendola ed arricchendola di musica e buoni sentimenti. “Novecento”, dal testo di Alessandro Baricco, con la regia di Franco Giorgio, produzione del Centro Teatro Studi di Ragusa, torna in scena domani, sabato 29 febbraio, alle 21, e domenica 1 marzo, alle 18, al Donnafugata di Ibla.

La scena è di grande impatto emotivo ed evocativo: un piccolo pianoforte volteggia in alto, una cassa di tritolo e la scatola dove viene abbandonato il piccolo “Novecento”. E’ ancora una volta l’attore Giuseppe Ferlito a interpretare magistralmente il trombettista Max, migliore amico del più grande pianista della storia, Danny Boodman T.D. Lemon, al secolo “Novecento”, che visse l’intera sua vita e morì esplodendo insieme ad esso, sul transatlantico Virginian. Abbandonato ancora neonato sopra il pianoforte, cresce accudito dall’intero equipaggio e impara a suonare magistralmente quello strumento sul quale venne adagiato.

Non aveva mai toccato la terraferma proprio perché non ne aveva mai sentito il bisogno: il Virginian era l’unico motivo di esistere e di morire. Un lavoro teatrale assolutamente da vivere per chi non l’ha ancora fatto e da rivedere per chi ha avuto già occasione di assaporarne le emozioni.

0

0

0

0

0

Commenti
Giuseppe Ferlito al Donnafugata di Ragusa Ibla
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Fiadda Modica Onlus: convegno al Liceo Galilei
News Successiva
Le ali di Giorgia a Ragusa per la ricerca contro malattie rare