Miur

Unicef Ragusa: scuola Amica dei bambini

Oggi conferenza stampa di presentazione

Oggi a Ragusa la conferenza di presentazione del Progetto UNICEF – MIUR “Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti”.

Si è tenuta oggi la conferenza di presentazione del Progetto “Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti”, promosso nell’ambito delle iniziative previste dal Protocollo d’intesa tra Miur e Unicef, con gli obiettivi primari di promuovere la cultura e la prassi della tutela giuridica e del benessere dei minori e di favorire la conoscenza e l’attuazione, nel contesto educativo, della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, trattato che quest’anno compie trent’anni e che viene posto al centro di iniziative Unicef nelle scuole e nelle città di tutto il mondo. L’incontro è stato tenuto dal Presidente del Comitato Provinciale UNICEF di Ragusa Elisa Mandarà, che da anni segue il Progetto e che ne è la Referente Provinciale. A collaborare alla pianificazione della conferenza è intervenuto l’Ufficio IX – Ambito Territoriale per la Provincia di Ragusa, con la nuova Dirigente Viviana Assenza e con la Referente al progetto Carmela Bucchieri.

I lavori si sono svolti presso l’auditorium dell’Istituto Comprensivo “Francesco Crispi” di Ragusa e hanno coinvolto ben quindici scuole della provincia, oggi rappresentate da docenti referenti e dirigenti scolastici, scuole che si sono iscritte al Progetto Unicef – Miur per l’anno scolastico appena cominciato. Hanno al contempo ricevuto l’attestazione di “Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti” per lo scorso anno scolastico nove delle presenti scuole. La presentazione, che Elisa Mandarà ha curato con un’ampia selezione di materiali, di video, di attività laboratoriali, è entrata nel dettaglio delle innumerevoli proposte didattiche di Unicef Italia, quali “Education 4 Equality”, dedicata al contrasto agli stereotipi di genere, “Non perdiamoci di vist@”, programma ricchissimo di contrasto al bullismo e al cyberbullismo, “L’albero dei diritti”, che mette in primo piano l’inclusione, l’ascolto e la partecipazione di bambini e ragazzi, “Bambini sperduti”, che illustra l’azione dell’Unicef per i bambini migranti e rifugiati, “Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile”, “Momo e il tempo”, che centralizza l’ascolto e la partecipazione, invitando a riqualificare uno spazio del territorio, “Leggere i Diritti attraverso immagini e parole”, consistente in percorsi di lettura partecipata”, il Progetto Unicef Teatro, realizzato in collaborazione del Teatro Stabile di Grosseto, “A scuola con gli scacchi”, che utilizza il gioco degli scacchi come strumento educativo.

È stata presentata anche la nuova app “Unicef Education Lab”, che rende facilmente accessibili le proposte educative a tutti i docenti. Come noto, l’UNICEF opera in ogni parte del mondo, per garantire i diritti e il benessere dei bambini e degli adolescenti. L’educazione rappresenta un obiettivo prioritario e uno strumento straordinario per la loro tutela e il loro sviluppo. La circolare ministeriale, già inviata in data 24 giugno, propone alle scuole “attività condotte con metodologie e criteri organizzativi, che aiutano i bambini e i ragazzi a maturare la consapevolezza di sé e l’autostima, la motivazione, la capacità di giudizio e il senso critico”. Le proposte didattiche, trasversali e accompagnate da una utile ricchezza di materiali, schede e apparati, possono entrare nella didattica quotidianità, arricchendola, e senza fratture di senso, nelle linee ideali della promozione dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.

Vengono inoltre sostenute esperienze in cui l’esercizio del diritto ad apprendere richiede anche la capacità di assumere personali responsabilità, stabilire relazioni interpersonali positive, raggiungere le competenze di cittadinanza. Nodale, in seno al Progetto, l’attenzione alle attività di prevenzione delle diverse forme di esclusione, discriminazione, bullismo e cyberbullismo, in linea con la legge n. 71 del 29 maggio 2017. Il corpo della Circolare dà grande risalto alla ricorrenza dei trent’anni dall’approvazione della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza; tema che caratterizza anche la proposta educativa 2019/2020 e sarà il fulcro di una riflessione congiunta provinciale delle scuole, di attività e manifestazioni, tra le quali una specialissima avrà carattere provinciale.

Le Scuole iscritte per l’anno scolastico 2019/20120 al Progetto Unicef-Miur “Scuola Amica delle bambine, dei bambini e degli adolescenti” sono le seguenti: gli Istituti Comprensivi “M. Schininà di Ragusa, “Don Lorenzo Milani” di Scicli, “G. Albo-Giovanni XXIII” di Modica, “Luigi Capuana” di Giarratana, “Giovanni Verga” di Comiso, “Gesualdo Bufalino” di Pedalino, “G. Rogasi” di Pozzallo, “Luigi Pirandello” di Comiso, “Carlo Amore” di Frigintini-Modica, “Leonardo Sciascia” di Scoglitti, “San Biagio” di Vittoria, “Elio Vittorini” di Donnalucata, “Amore” di Pozzallo, “Francesco Crispi” di Ragusa e la D. D. IV Circolo “G. Rodari” di Vittoria.