Tecnologie

Incidenti stradali, per le auto più tecnologiche in meno

Con una percentuale del 38%

0

0

0

0

0

Incidenti stradali, per le auto più tecnologiche in meno Incidenti stradali, per le auto più tecnologiche in meno

Secondo i dati di uno studio realizzato dalla Fondazione Filippo Caracciolo di Aci, in collaborazione con il Politecnico di Torino - presentato da Aci e Bosch a #ForumAutoMotive - un veicolo immatricolato da piu' di quindici anni presenta quasi il 50% di probabilita' in piu' di essere coinvolto in un incidente grave, rispetto a uno immatricolato da soli due anni.

I modelli piu' costosi e dotati di un numero maggiore di sistemi di assistenza alla guida sono coinvolti in incidente 5,7 volte ogni milione di chilometri, mentre i veicoli con prezzo inferiore ai 15.000 euro sono esposti a un rischio triplo, rimanendo coinvolti fino a 15 volte ogni milione di chilometri percorsi. La ricerca valuta l'efficacia specifica di alcuni sistemi di assistenza alla guida e, in particolare, i benefici legati all'utilizzo del sistema di assistenza alla frenata. Alcuni modelli dotati di questa tecnologia, infatti, hanno fino al 38% di probabilita' in meno di essere coinvolti in un incidente stradale rispetto alle vetture che ne sono sprovviste.

Possono dunque essere evitati fino a 4 incidenti su 10 per i veicoli piu' costosi, mentre per i modelli della categoria A (mini) e B (utilitarie), fino a 2 su 10. Nonostante questo, pero', la diffusione delle auto dotate del sistema di assistenza alla frenata sulle nostre strade e' ancora limitata. Solo un veicolo su cinque dispone di questa tecnologia di serie: un dato che potrebbe essere facilmente migliorato, considerando che il sistema e' potenzialmente disponibile per il 75% dei modelli di veicoli.

0

0

0

0

0

Incidenti
Stradali
Auto
Tecnologiche
Meno
Tecnologia
Commenti
Incidenti stradali, per le auto più tecnologiche in meno
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
L'elettricità raffredda l'acqua: lo rivela il calcolatore
News Successiva
I robot sostituiranno l'uomo nei posti di lavoro?