Benessere

Dieta a calorie negative per dimagrire: menù settimanale

Ecco gli alimenti da mangiare per perdere peso

La dieta a calorie negative può far dimagrire subito mangiando a sazietà. Basta semplicemente scegliere gli alimenti che favoriscono un certo dispendio di energie e aiutano abruciare i grassi.

Si tratta di alimenti poveri di calorie che favoriscono la termogenesi indotta dalla alimentazione. In natura vi sono però delle fonti alimentari così povere di calorie che ne fanno bruciare all’organismo più di quante ne contengano. Si tratta quindi di un calcolo che torna vantaggioso per chi intende dimagrire. Ma vediamo quali sono gli alimento da scegliere. In primi l’acqua che può considerarsi l’alimento per eccellenza a caloria negativa, in quanto non fornsice energia, ma richiede calorie per poter essere assorbita. Discorso analogo può farsi per caffè e tè, che non solo sono alimenti a calorie negative, ma aumentano anche il metabolismo.

Tra gli altri cibi a calorie negative rientrano le verdure, in particolare gli asparagi, spinaci, bietole, carote, cavoli, fagiolini, piselli, pomodori, peperoni e cetrioli. Si tratta di alimenti che hanno un potere calorico ma rientrano comunque tra quelli a calorie negative, in quanto il dispendio energetico per assimilarli è superiore rispetto al livello di calorie che contengono. Tra la frutta ci sono frutti di bosco, pompelmo, kiwi e mele. Lo schema settimanale che elenchiamo si basa su un apporto di 1300 calorie giornaliero. Ma vediamo cosa si mangia ogni giorno nella dieta a calorie negative.

Lunedì: colazione con un bicchiere di latte scremato e 200 grammi di frutta fresca di stagione a scelta. Spuntino: un pompelmo. Pranzo: 50 grammi di pasta integrale, condita con 200 grammi di pomodorini a crudo. Merenda: una tazza di té verde senza zucchero o un pompelmo rosa. Cena: 300 grammi di asparagi cotti a vapore o bolliti in poca acqua, 2 uova sode condite con 1 cucchiaio d’ olio extravergine d’ oliva , 50 grammi di pane preferibilmente integrale, 100 grammi di frutta di stagione a scelta. Martedì: colazione con un frullato preparato con 100 ml di latte parzialmente scremato e 100 grammi di mirtilli. Spuntino: un pompelmo. Pranzo: insalata caprese preparata con 125 grammi di mozzarella, 200 grammi di pomodori, basilico oppure origano e 1 cucchiaino di olio extravergine d’ oiva, 50 grammi di pane preferibilmente integrale, 200 grammi di macedonia di frutta fresca a piacere. Merenda: una spremuta di arancia. Cena: 150 grammi di fettine di fesa di tacchino cotte alla piastra e condite con basilico, prezzemolo e un cucchiaino di olio extravergine d’ oliva a crudo, 50 grammi di riso bollito e 300 grammi di peperoni alla piastra conditi con un cucchiaino di olio extravergine d’ oliva.

Mercoledì: colazione con un bicchiere di latte scremato e 200 grammi di frutta fresca di stagione a scelta. Spuntino: un pompelmo o un tè verde. Pranzo: 50 grammi di pasta preferibilmente integrale condita con 1 cucchiaio di olio extravergine d’ oliva e un trito di timo e basilico fresco o surgelato, 150 grammi di pesce nasello o merluzzo cotto al vapore, 100 grammi di carote crude con 1 cucchiaio d’ olio extravergine d’ oliva. Merenda: una tazza di tè verde senza zucchero o una mela. Cena: un piatto di prosciutto e melone preparato con 60 grammi di prosciutto crudo privato del grasso visibile e 200 grammi di melone, 50 grammi di pane integrale, 100 grammi di frutti di bosco a piacere.

Giovedì: colazione con un frullato preparato con 100 ml di latte parzialmente scremato (oppure con latte di soia) e 100 grammi di lamponi. Spuntino: 200 grammi di kiwi. Pranzo: insalata greca preparata con 100 grammi di cetrioli, 50 grammi di peperoni verdi, 100 grammi di pomodori, 100 grammi di feta (formaggio greco), 5 olive nere denocciolate e 1 cucchiaio di olio extravergine d’ oliva, 50 grammi di pane preferibilmente integrate, 100 grammi di uva nera oppure 100 grammi di frutta fresca di stagione a scelta. Merenda: un pompelmo rosa. Cena: insalata tiepida di riso preparata con 50 grammi di riso bollito integrale, 100 grammi di gamberetti cotti al vapore o saltati in padella con aceto di mele, insalata mista preparata con 100 grammi di carote crude, 50 grammi di radicchio o altro tipo di insalata, 100 grammi di pomodori, un cucchiaio di dio extravergine d’ oliva, limone o aceto di mele.

Venerdì: colazione con 200 ml di latte parzialmente scremato freddo o appena tiepido, 200 grammi di frutta fresca di stagione a scelta. Spuntino: una spremuta di arancia.Pranzo: carpaccio di carne preparato con 70 grammi di fesa di vitellone tagliata a fettine sottili, 300 g di spinaci lessati in poca acqua e 200 grammi di fragole. Merenda: una tazza di tè verde senza zucchero. Cena: insalata messicana preparata con 150 grammi di fettine di pollo cotte alla piastra e tagluizzate, 100 grammi di peperoni cotti alla piastra e 50 grammi di pane preferibilmente integrale.

Sabato: colazione con un frullato preparato con 100 ml di latte parzialmente scremato e 100 grammi di ribes nero. Spuntino: 200 grammi di kiwi. Pranzo: insalata tiepida preparata con 50 grammi di riso bollito, 100 grammi di cavoimi di Bruxelles lessati (freschi o surgelati), 70 grammi di salmone fresco cotto a vapore o saltato in padella. Merenda: una spremuta di arancia. Cena: risotto con asparagi e un pompelmo rosa. Domenica: colazione con un bicchiere di latte parzialmente scremato freddo o appena e 100 grammi di uva nera. Spuntino: un tè verde. Pranzo: insalatona preparata con 50 grammi di insalata a piacere, 50 grammi di carote crude, 50 grammi di cetrioli, 50 grammi di finocchi, 50 grammi di peperoni (crudi o grigliati alla piastra), 100 grammi di tonno al naturate e 1 cucchiaio di olio extravergine d’ oliva.

Merenda: un tè verde o una tisana al finocchio. Cena: insalata mista e 100 grammi di ananas fresco. Come sempre nelle diete pubblicate sul nostro sito raccomandiamo di chiedere il parere del proprio medico o di uno specialista prima di seguire un regime alimentare dietetico, soprattutto se si soffre di varie patologie come il diabete e non solo. Ricordiamo che si tratta di uno schema dietetico indicativo in quanto la dieta va sempre preparata con un medico in base alla singola persona.