Lunedì dell'Angelo

Maltempo: danni per il forte vento a Pasquetta in Sicilia

Una vittima in Sardegna

Il vento forte che ha soffiato sferzando la Penisola nel giorno di Pasquetta ha causato danni, soprattutto nelle due isole maggiori. In Sardegna numerosi i danni registratari da Cagliari a Sassari, da Oristano a Nuoro.

Un velista francese e' morto al largo delle coste cagliaritane dopo che la sua barca a vela e' affondata. Il turista si trovava sulla barca con la compagna. La donna e' stata salvata, per il diportista non c'e' stato nulla da fare. I soccorritori ne hanno recuperato il cadavere. Sempre nella costa cagliaritana si registrano gravi danni nei chiostri e negli esercizi commerciali posizionati lungo le spiagge. Sono state centinaia le chiamate dei vigili del fuoco per gli alberi sdradicati, cartelloni pubblicitari abbattuti e tetti scoperchiati. In ginocchio la viabilita' isolana. Stesso copione in Sicilia, con danni gravi nel Palermitano. Nel capoluogo danni a tetti, alberi e alle auto parcheggiate a causa della caduta di calcinacci.

Raffiche di scirocco hanno raggiunto i 100 km/h in tutta la regione. Problemi alla viabilita', sia sulle strade di collegamento che sulla linea ferrata che collega Messina a Palermo. Fermi i collegamenti con le isole minori. Nel Trapanese, a Castellamare del Golfo, e' stata disposta la chiusura agli accessi alla riserva naturale orientata dello Zingaro. In Campania mare forza 4, raffiche di vento fino a 40 nodi e i collegamenti marittimi verso Capri messi a durissima prova. Il forte vento ha provocato danni al porto dell'isola. La Protezione civile della Regione ha prorogato fino alle 6 di domani l'allerta meteo per Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana, Penisola Sorrentino-amalfitana, Monti di Sarno e monti Picentini.

Al nord preoccupano i fiumi. Per via delle piogge in arrivo su Milano, un avviso di criticita' ordinaria (codice giallo) per rischio idraulico e vento forte e' stato emesso a decorrere da stasera, a partire da mezzanotte. Il Comune ha disposto il monitoraggio dei livelli idrometrici dei fiumi Seveso e Lambro.

(ITALPRESS)