Benessere

Dieta, riattivare il metabolismo per dimagrire: ecco cosa mangiare

Il segreto è mangiare ogni 2 o 3 ore

La dieta per riattivare il metabolismo prevede piccoli pasti ogni 2 o tre ore e il consumo di alcuni alimenti che stimolano il metabolismo e fanno dimagrire. Mangiando ogni 2 o 3 ore stimoli il metabolismo a lavorare sempre di più grazie ad un aumentato del lavoro metabolico per smaltire il cibo.

Imparare a mangiare frequentemente fa bene alla linea, ti permette di sfruttare il cibo come energia immediatamente disponibile senza creare riserve di grasso immagazzinate su cosce, glutei e pancia. E’ stato dimostrato che chi mangia poco e spesso ha un metabolismo più veloce di chi tende a saltare la prima colazione, mangia poco a pranzo e si coccola con una pizza a cena prima di andare a dormire. Tra gli alimenti consigliati per velocizzare l’attività metabolica ci sono le fibre poiché l’assunzione di cibi ricchi di fibre puoi stimolare il metabolismo a lavorare di più grazie ad una lunga digestione. Le fibre infatti non possono essere digerite dal nostro corpo e questo comporta un grande dispendio di energia per poterla assimilare.

Ecco la lista dei cibi ricchi di fibre che non devono mai mancare a tavola per dare una vera e propria scossa al metabolismo: cereali integrali, legumi, frutta con la buccia, verdura cruda e alimenti vegetali in generale. Inoltre tra gli alimenti consigliati ci sono anche alcune spezie energizzanti. Per aumentare la velocità del metabolismo a tavola è bene fare una bella scorta di spezie ed erbe aromatiche che fungono da stimolanti metabolici. Il peperoncino ad esempio stimola il corpo a bruciare di più, a bruciare calorie più velocemente e ti aiuta a aumentare il dispendio calorico giornaliero. Usa il peperoncino per insaporire sughi, secondi di carne come polpette, spezzatini e brasati e piano piano noterai un aumento del metabolismo fino ad un 25% in più.

Lo zenzero è una radice notoriamente usata nella cucina asiatica, preziosa per chi vuol dimagrire in quanto aiuta a mantenere il peso forma e favorisce il dimagrimento. Lo zenzero è fortemente legato al successo di una dieta dimagrante per molte proprietà benefiche, come: abbassare i livelli di colesterolo nel sangue, sciogliere i grassi, effetto termogenico, producendo energia fa bruciare calorie.Lo zenzero fresco o in polvere può essere utilizzato per aromatizzare biscotti (biscotti allo zenzero) zuppe, verdure e secondi di pesce, mentre per sfruttare al meglio le sue proprietà sciogli grassi e snellenti basta far bollire 1 bicchiere d’acqua con qualche pezzetto di zenzero precedentemente spellato, lasciare in infusione 15 minuti e dolcificare con un cucchiaino di sciroppo d’acero che aiuta a bruciare più energia.

Studi recenti della ricercatori della Majo Clinic, sostengono che pesce influenza positivamente l’attività del metabolismo, in quanto il consumo regolare di pesce ricco di omega-3 corrisponde con un metabolismo veloce e viceversa. Alcuni studi francesi hanno scoperto che un’alimentazione ricca di pesce ricco di acidi grassi omega 3 abbassa i livelli di leptina nel corpo umano, con una conseguente riduzione di peso corporeo di 1 chilo in poco più di una settimana ed una accelerazione del metabolismo. Una forte restrizione calorica può abbassare il metabolismo basale, ecco perché molte diete dimagranti che escludono pasta, pane e cereali dalla tavola non funzionano.

Per garantire l’efficacia della dieta e per evitare che la perdita di peso si arresti, non serve attuare una restrizione calorica tramite l’eliminazione di pane e pasta, ma basta sostituire i carboidrati raffinati di pane e pasta bianca con gli alimenti analoghi in formato integrale.