Comuni

Tutte le sezioni

Da giovedì a giovedì in scena a Ragusa

Cultura
29/04/2019 - 09:05

Il Piccolo Teatro Popolare di Ragusa, riporta in scena "Da giovedì a giovedì" di Aldo De Benedetti, sabato 4 maggio, alle 21. “Da giovedì a giovedì”, commedia brillante in due tempi che già parecchio successo ha riscosso in occasione delle prime repliche tenutesi, come quella in programma sabato prossimo, al teatro Leader di via Ettore Fieramosca 163 a Ragusa.

Questa commedia scritta da Aldo Benedetti nel 1959 andò in scena per la prima volta al Teatro Ridotto dell’Eliseo di Roma nel 1961. Da allora è stata proposta più volte da compagnie amatoriali ed attori professionisti, sempre con discreto successo per l’attualità dei suoi contenuti: infedeltà coniugale, o presunta tale, trattata con leggerezza ed ironia senza mai scendere in volgarità. La trama offre numerosi spunti sulla vita di coppia scendendo profondamente nella psicologia femminile e nella sua impossibile comprensione da parte di quella maschile, offrendo sottili spunti ironici e grottesche situazioni divertenti. La regia è di Antonino Marù mentre questi sono i personaggi e gli interpreti che animeranno la rappresentazione: Adriana, la moglie, è interpretata da Loredana Gurrieri; Paolo, il marito, da Gianni Ancione; Letizia, la suocera, da Luisa Corallo; Adele, la cameriera, da Federica Bisceglia; Trombi, l’investigatore, da Pippo Dipasquale; Tito, il segugio, da Armando Cappuzzello.

Completano la compagnia i componenti del cast tecnico con la costumista Giovanna Raniolo, lo scenografo Giorgio Battaglia, il trucco dell’Equipe artistic studio, il direttore di scena Saro Dimartino e il fonico Salvatore Massari. “Il testo – spiega il regista Marù – è stato attualizzato e contestualizzato, per raggiungere quel senso del sentirsi a casa. Quella familiarità, con la storia e con il personaggio, che permette all’attore di sentirsi comproprietario del lavoro teatrale e non ospite. Se questo si realizza, quando indossa la vita del personaggio, l’interprete potrà sentirsi sicuro e spontaneo. Potrà divertirsi e divertire”.