Comuni

Tutte le sezioni

Strepitoso successo del Macbeth al Garibaldi di Modica

Cultura
27/04/2019 - 20:10

Strepitoso successo al Teatro Garibaldi di Modica per una delle messe in scena più spettacolari mai firmate dalla Fondazione, con la direzione artistica di Giovanni Cultrera, sovrintendente Tonino Cannata. Il Macbeth di William Shakespeare, nella versione operistica di Giuseppe Verdi su libretto di Francesco Maria Piave, ha infiammato il pubblico del teatro modicano.

Momento centrale della stagione di musica, che ha richiamato spettatori anche da fuori provincia accorsi per assistere alla magistrale rappresentazione dell’opera shakespeariana con interpreti di fama internazionale, applauditissimi. Eccezionale l’interpretazione di Carmelo Corrado Caruso, di Daniela Schillaci, di Max Jota e di Gaetano Triscari. Insieme a loro, sul palco anche Mariagrazia Caruso, Riccardo Palazzo, Riccardo Bosco, Matteo Siculo, Francesca Rollo e Giulia Currenti. Suprema la regia di Ezio Donato. La Fondazione Teatro Garibaldi ha firmato la sua sesta produzione che ha riconfermato l’eccezionale lavoro alle spalle di un simile successo, così come accaduto per tutte le altre opere prodotte dalla Fondazione modicana.

Eccelso anche l’accompagnamento del Coro Lirico Siciliano, diretto dal maestro Francesco Costa, e dell’Orchestra Filarmonica Teatro Garibaldi Modica con l’impeccabile direzione del maestro Gaetano Costa. Molto apprezzati anche i costumi e le scenografie, a cura del Liceo artistico di Modica, e i movimenti scenici, a cura di Donatella Capraro. “Siamo molto soddisfatti di questo ennesimo successo della Fondazione – commentano entusiasti il direttore Cultrera e il sovrintendente Cannata – la costanza del nostro impegno ha ancora una volta dato i suoi frutti, regalando al pubblico e all’intera città di Modica uno spettacolo sublime”. Il calendario della stagione di musica prosegue sabato 11 maggio, alle ore 21.00, con “Gran ballo dell’‘800” con la bravissima Manuela Cucuccio, accompagnata al pianoforte da Anna Maria Calì, e il corpo di ballo della Compagnia Nazionale di Danza Storica, diretto da Nino Graziano Luca.