Attualità

Pozzallo, approvato progetto per presidio territoriale di assistenza

Progetto approvato dal Consiglio comunale di Pozzallo

0

0

0

0

0

Pozzallo, approvato progetto per presidio territoriale di assistenza Pozzallo, approvato progetto per presidio territoriale di assistenza

Pozzallo - Approvato dal Consiglio comunale il progetto per la realizzazione del presidio territoriale di assistenza. Un altro passo in avanti verso la realizzazione del P.T.A di via Follereau. Il Consiglio Comunale ha approvato, in deroga ai parametri urbanistici, il progetto dell’importante struttura sanitaria. Si tratta di un progetto definitivo che sarà inviato all’ASP per essere trasformato in esecutivo ed appaltabili. Occorrerà ancora qualche settimana per la gara di appalto che presumibilmente si potrà concludere tra la fine del corrente anno e l’inizio del prossimo. I lavori potrebbero già iniziare prima della prossima primavera. Il finanziamento dell’opera per un importo complessivo di € 2.500.000  fu ottenuto nel 2010 quando l’attuale Sindaco Roberto Ammatuna era Parlamentare dell’Ars, ai sensi della legge 67/1988 e previo accordo tra lo Stato e la Regione Sicilia.

Si sta finalmente per concludere la lunga procedura tecnico-amministrativa che doterà Pozzallo di una struttura sanitaria importante al servizio di tutti i cittadini. Un ringraziamento particolare al Direttore Generale dell’ASP arch. Angelo Aliquò per aver velocizzato il complesso iter progettuale

0

0

0

0

0

Presidio territoriale assistenza
Consiglio comunale
Pozzallo
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Pozzallo, approvato progetto per presidio territoriale di assistenza
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Green pass nella Pubblica Amministrazione firmato il dpcm sulle linee guida
News Successiva
Rapina a mano armata a Ispica: fatti gravi, siamo tutti sconvolti