Attualità

Ragusa, progetti agricoli bocciati: interviene la Cgil

Ragusa e la Sicilia pagano un prezzo altissimo. Il Governo Musumeci responsabile

0

0

0

0

0

Ragusa, progetti agricoli bocciati: interviene la Cgil Ragusa, progetti agricoli bocciati: interviene la Cgil

Ragusa, progetti agricoli bocciati: interviene la Cgil. “Ragusa e la Sicilia pagano un prezzo altissimo. Il Governo Musumeci responsabile”. Durissimo intervento del segretario generale della Cgil Ragusa, Peppe Scifo a proposito della bocciatura dei trentuno progetti sull’agrosistema del PNRR in Sicilia, la cui responsabilità addossa al Governo Musumeci. Scifo ricorda che “su 31 progetti relativi alla  Missione 2 dove sono previsti interventi sull’agrosistema irriguo per una migliore gestione delle risorse idriche, nessuno sarà finanziato.e che nella  graduatoria dei progetti approvati pubblicata nel decreto del Ministero delle Politiche agricole non c'è nessun progetto della Sicilia,  e non c'è neppure nell'elenco delle proposte ammissibili in attesa di risorse aggiuntive”. Secondo il segretario CGIL “anche Ragusa paga il prezzo di questa esclusione. Il progetto per i lavori di efficientamento dell’impianto irriguo di Valle dell’Acate per  € 3.333.458,00 è stato bocciato assieme a tutti gli altri  presentati dalla Regione Sicilia. 

Si parte male, anzi malissimo se pensiamo all'ambito dentro il quale si è predisposta questa progettazione. L'ammodernamento dell'agrosistema irriguo rappresenta oggi una condizione indispensabile per il rilancio delle nostre agricolture nell'isola, ancor più di fronte ad una situazione di crescente siccità dovuta ai mutamenti climatici in corso”. In tale ottica, prosegue Peppe Scifo, “il sistema dei Consorzi di Bonifica della Regione Sicilia è ormai al collasso;  a pagare le spese sono gli agricoltori, ai quali vengono forniti servizi scadenti a prezzi elevati,  e i lavoratori da anni ormai sprofondai nella precarietà e nell'incertezza con un cronico ritardo dei pagamenti degli stipendi. Un sistema che va riformato e ripulito dalle tante storture, che però necessita di risorse per un suo ammodernamento infrastrutturale. Sui Consorzi di bonifica la Cgil ha combattuto e combatte una battaglia a difesa dei lavoratori, per una moralizzatore del sistema di gestione politico/istituzionale. Abbiamo denunciato gli abusi operativi dai dirigenti, a partire dall'ex direttore Giovanni Cosentini condannato in primo grado dalla Corte dei Conti a restituire somme indebitamente incassate mentre i lavoratori aspettavamo diversi mensilità di stipendi arretrati”.

E per concludere, Scifo chiama in causa la Regione Sicilia “oggi questo  fallimento preannunciato,  principalmente per  l'assenza di una regia di governo rispetto ad una progettazione complessiva apparsa frammentaria, priva di una visone sistemica d'insieme, rende ancora più complicata la risoluzione dei tanti problemi che affliggono il sistema dei Consorzi di Bonifica siciliano. Da tempo la CGIL di Ragusa con la   CGIL regionale denuncia il livello di approssimazione con il quale il Governo Musumeci affronta il tema progettazione sulle risorse del PNRR, manca di un confronto e di una idea strategica rispetto al futuro, verso quale modello di sviluppo per la Sicilia, ovviamente manca il confronto tra tutti gli attori e le rappresentanze sociali” (da.di.)

0

0

0

0

0

Ragusa
Cgil ragusa
Nello musumeci
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Ragusa, progetti agricoli bocciati: interviene la Cgil
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Comiso riparte assistenza agli anziani e disabili
News Successiva
Vittoria, un mausoleo per Arturo di Modica: lo scultore del toro di Wall Street