Economia

Viabilità: aperto collegamento fra Ragusa-Catania e aeroporto di Comiso

La visita dell'assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone

0

0

0

0

0

Viabilità: aperto collegamento fra Ragusa-Catania e aeroporto di Comiso Viabilità: aperto collegamento fra Ragusa-Catania e aeroporto di Comiso

Comiso - Aperto al traffico il collegamento fra la Ragusa-Catania e l'aeroporto di Comiso. L'assessore Marco Falcone a Ragusa per il Piano di collegamento dell'Aeroporto di Comiso con la viabilità provinciale: una priorità del governo regionale. “L'assessore regionale alle Infrastrutture, on. Marco Falcone, stamani è stato in visita ai cantieri dei Lotti 3 e 6 della SP 129, strada di collegamento fra la Ragusa-Catania, l'Aeroporto di Comiso e la Comiso-Vittoria, aprendo al traffico la prima parte del percorso per un totale di due chilometri. I lavori, per un costo complessivo di 32 milioni di euro, rientrano nel Piano di potenziamento dei collegamenti fra l'Aeroporto di Comiso e la viabilità provinciale. Alla visita erano presenti, oltre al sottoscritto, il Sindaco di Comiso, Maria Rita Schembari, l'on. Orazio Ragusa e i vertici del Libero Consorzio comunale di Ragusa.

Si tratta di un'importante opera di infrastrutturazione del territorio ibleo, essenziale dal punto di vista dei collegamenti e dell'economia locale, considerata da sempre prioritaria dal governo regionale”. Lo dichiara l'on. Giorgio Assenza, Presidente del Collegio dei Questori all'ARS in una nota alla stampa.

0

0

0

0

0

Aeroporto comiso
Viabilita
Ragusa catania
Assessore marco falcone
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Viabilità: aperto collegamento fra Ragusa-Catania e aeroporto di Comiso
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Bonomi: Confindustria non vuole fare un partito
News Successiva
Giorgetti: lo sviluppo economico lo fanno le imprese non lo Stato