Curiosità

Il Castello di Fumone infestato di fantasmi e le urla del bambino fantasma VIDEO

Il video di Lucilla Agosti alle prese con il fantasma di un bambino che vuole comunicare con lei

0

0

0

0

0

Il Castello di Fumone infestato di fantasmi e le urla del bambino fantasma VIDEO
Il Castello di Fumone infestato di fantasmi e le urla del bambino fantasma VIDEO

Il Castello di Fumone è da sempre noto per la leggenda dei fantasmi. In particolare si narra che nel castello di Fumone in Ciociaria, tra Alatri e Ferentino, vivano almeno 18 fantasmi tra cui quello del marchesino ucciso a 3 anni dalle sorelle gelose. Attorno al Castello aleggia un’atmosfera misteriosa e si dice che a volte sia possibile anche ascoltare i pianti della Duchessa Emilia, si racconta che le luci si accendano a volte da sole e che oggetti scompaiano inspiegabilmente per poi riapparire. Gran parte della popolarità di Fumone, in provincia di Frosinone, si deve alla presenza di quello che – secondo molti – sarebbe un castello infestato da fantasmi. Il maniero che si erge a più di 800 metri su un’altura domina la zona circostante e divenne il punto di avvistamento perfetto contro i nemici provenienti dalla Casilina per oltre 500 anni a partire dall’XI secolo. Ecco perché si sentono dei lamenti provenire dai sotterranei del castello. 

I fantasmi del Castello di Fumone, la leggenda sul fantasma del marchesino
l Castello divenne poi una fortezza militare dello Stato Pontificio del basso Lazio e secondo le cronache le prigioni di Fumone erano tra le più difficili da sopportare: il prigioniero più illustre fu certamente Celestino V, il pontefice rinchiuso dal suo successore Bonifacio VIII che morì in circostanze a dir poco misteriose. Ma il personaggio più importante legato al Castello di Fumone resta di certo il piccolo Francesco Longhi. Una volta che il maniero venne dato ai marchesi Longhi per essere amministrato, Emilia Caetani diede alla luce sette femmine prima di partorire il primo erede maschio che avrebbe ereditato l’intera fortuna. Le sorelle, gelose dei suoi privilegi solo perché era maschio, misero ogni giorno nei pasti del bimbo dei pezzettini di vetro (o dell’arsenico, versione più accreditata) fino a farlo morire di dolori lancinanti all’età di tre anni.

La madre, distrutta dalla scomparsa del figlio più piccolo, decise di far imbalsamare il corpicino piuttosto che liberarsi delle sue spoglie ed è tuttora visibile in una teca a favore dei visitatori. Leggenda vuole che nella notte il marchesino Longhi e altri prigionieri torturati infestino il Castello di Fumone e dai sotterranei si sentano provenire urla strazianti e grida disperate. (Il video di Lucilla Agosti alle prese con il fantasma di un bambino che vuole comunicare con lei durante una rilevazione con i GHT a Fumone).

0

0

0

0

0

Castello fumone
Fantasmi
Leggenda
Marchesino
Fantasma bambino
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Loading the player...
Commenti
Il Castello di Fumone infestato di fantasmi e le urla del bambino fantasma VIDEO
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Scopri come allestire il tuo evento in modo impeccabile
News Successiva
Marmomac torna in presenza, inaugurata la 55esima edizione