Italia

Roma

Sindacati: No al blocco dei treni, sosteniamo la campagna vaccinale

Diciamo no alle minacce di bloccare i treni domani, 1 settembre

0

0

0

0

0

Sindacati: No al blocco dei treni, sosteniamo la campagna vaccinale
Sindacati: No al blocco dei treni, sosteniamo la campagna vaccinale

ROMA - ’’Diciamo no alle minacce di bloccare i treni domani, 1 settembre, nelle maggiori stazioni italiane’’. Ad affermarlo unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, sottolineando che ’’auspichiamo un doveroso ripensamento da parte dei promotori della protesta’’.Secondo le organizzazioni sindacali ’’i rischi connessi a una simile protesta sono evidenti e serve un piano di sicurezza per tutelare lavoratori e utenti’’.’’Il trasporto ferroviario - proseguono Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti - è un servizio pubblico essenziale, (infatti è soggetto alle regole della legge sui servizi minimi per lo sciopero) che garantisce il diritto costituzionale alla mobilità dei cittadini. Chi decidesse di interromperlo arbitrariamente in nome della libertà a non vaccinarsi non avrebbe il sostegno del sindacato sia perchè violerebbe la legge, sia perchè il sindacato sostiene la campagna vaccinale tanto per i lavoratori che per gli utenti del servizio pubblico. Il vaccino - affermano infine i sindacati - fino a questo momento è l’unica arma conosciuta per sconfiggere la pandemia e consentire alle persone di non ammalarsi, di vivere, di lavorare, di impegnare il tempo libero in varie attività e di viaggiare in sicurezza’’.

0

0

0

0

0

Campagna
Treni
Blocco
Sindacati
Italpress
Articolo diItalpress

Collaboratore

Commenti
Sindacati: No al blocco dei treni, sosteniamo la campagna vaccinale
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Da Garante Privacy via libera a verifica green pass nelle scuole
News Successiva
Green pass, Bonomi: Sindacato fugge da responsabilità