Appuntamenti

Giro d'Italia solidale: nuoto, bici e corsa a Pozzallo

Il 21 agosto nella postazione Mare senza Frontiere 3.0

0

0

0

0

0

Giro d'Italia solidale: nuoto, bici e corsa a Pozzallo Giro d'Italia solidale: nuoto, bici e corsa a Pozzallo

Ragusa, 19 agosto 2021 – La nostra provincia ospiterà una delle 50 tappe del primo Giro d'Italia solidale “Più giri più vivi”, partito il 27 luglio dal lago di Avigliana, per concludersi il 20 settembre, dopo aver attraversato tutto lo stivale, sempre ad Avigliana. Il Giro d’Italia è patrocinato dall’Unicef Italia, dalle Regioni Piemonte e Sicilia. È la Fondazione “Lo Trovato Onlus” a ospitare le tappe siciliane che ha scelto proprio la città di Pozzallo e precisamente nella postazione di “Mare senza frontiere 3.0” che accoglierà l’arrivo degli atleti che hanno aderito alla kermesse. Appuntamento, quindi, il 21 agosto – Mare senza frontiere -  a partire dalle ore 10.00 con l’attività in acqua: nuotata libera o con canotto. A seguire la pedalata con bici tandem, la camminata assistita e corsa a spinta. 

Il progetto “Tutti insieme al Kikki village” ha inserito nella programmazione degli eventi “Più giri più vivi” la suddetta manifestazione con il patrocinio dell’Asp di Ragusa, dei comuni  di Modica  e  Pozzallo. Lo sport è uno strumento potente ai fini della promozione dell'eguaglianza e dell'inclusione soprattutto nei confronti delle   persone con disabilità.  Per rendere realizzabili questi enunciati occorre operare un concreto cambiamento culturale, per abbattere non solo le barriere architettoniche ma, anche e soprattutto le barriere mentali, che purtroppo aleggiano nella vita quotidiana.

0

0

0

0

0

Giro ditalia
Unicef italia
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Giro d'Italia solidale: nuoto, bici e corsa a Pozzallo
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Moto storiche nel barocco ibleo: al cuor non si comanda
News Successiva
A Marina di Ragusa un sit in per il popolo