Italia

Roma

Industria, a giugno prosegue la crescita dei prezzi alla produzione

A giugno, secondo i dati Istat, prosegue la forte crescita dei produzione dell'industria

0

0

0

0

0

Industria, a giugno prosegue la crescita dei prezzi alla produzione Industria, a giugno prosegue la crescita dei prezzi alla produzione

ROMA - A giugno, secondo i dati Istat, prosegue la forte crescita dei prezzi alla produzione dell’industria, diffusa a quasi tutti i settori e più sostenuta sul mercato interno.Su base annua, i prezzi si confermano in accelerazione (+9,1%, da +8,1% di maggio), spinti soprattutto dai marcati incrementi di energia e beni intermedi. Coke e prodotti petroliferi raffinati, metallurgia e fabbricazione dei prodotti in metallo e prodotti chimici sono i settori che forniscono i maggiori contributi alla crescita. Nel secondo trimestre 2021, rispetto al trimestre precedente, i prezzi alla produzione dell’industria crescono del 3,4%. La dinamica congiunturale è più sostenuta sul mercato interno (+3,7%) rispetto a quello estero (+2,2%).Anche per le costruzioni, i prezzi alla produzione continuano a segnare aumenti congiunturali, con rialzi di entità simili per edifici e strade; per entrambi, la crescita tendenziale accelera ulteriormente.

I prezzi alla produzione delle costruzioni per ’’Edifici residenziali e non residenziali’’ crescono dell’1% su base mensile e del 4,5% su base annua. I prezzi di ’’Strade e Ferrovie’’ aumentano dell’1,2% in termini congiunturali e del 4% in termini tendenziali.

0

0

0

0

0

Produzione
Prezzi
Crescita
Giugno
Industria
Italpress
Articolo diItalpress

Collaboratore

Commenti
Industria, a giugno prosegue la crescita dei prezzi alla produzione
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Messina (Idv): Riforma giustizia pericolosa, a rischio stato diritto
News Successiva
Variante Delta può infettare anche i vaccinati: si pensa a terza dose