Dal mondo

Libia

Draghi: Dovere della Libia tutelare i diritti dei migranti

Abbiamo preso in esame il controllo delle frontiere libiche

0

0

0

0

0

Draghi: Dovere della Libia tutelare i diritti dei migranti Draghi: Dovere della Libia tutelare i diritti dei migranti

ROMA - ’’Abbiamo preso in esame il controllo delle frontiere libiche, anche meridionali, il contrasto al traffico di esseri umani, l’assistenza ai rifugiati, i corridoi umanitari, e lo sviluppo delle comunità rurali. L’Italia intende continuare a finanziare i rimpatri volontari assistiti e le evacuazioni umanitarie dalla Libia. Ritengo sia un dovere morale ma un interesse anche libico assicurare il pieno rispetto dei diritti di rifugiati e migranti’’. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, al termine dell’incontro con il primo ministro del governo di Unità Nazionale della Libia, Abdelhamid Dabaiba. ’’La collaborazione tra il governo Dabaiba e l’Italia continua a essere sempre più fertile e viva, la giornata di oggi lo dimostra’’, ha sottolineato Draghi, per il quale ’’l’Italia rimane al fianco della Libia e la sostiene in questa transizione complessa’’.

’’Ringrazio vivamente l’Italia e l’Ue per tutti questi sforzi e il grande appoggio dato, apprezzo anche il grande lavoro della Guardia Costiera italiana perchè il problema dell’immigrazione non si risolve solo nell’area mediterranea, ma andrebbe affrontato andando alle radici, dove parte questa immigrazione. Questa è una responsabilità comune’’, ha affermato dal canto suo Dabaiba.

0

0

0

0

0

Diritti
Tutelare
Libia
Draghi
Italpress
Migranti
Articolo diItalpress

Collaboratore

Commenti
Draghi: Dovere della Libia tutelare i diritti dei migranti
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Ryanair, atterraggio emergenza Berlino per allarme bomba: ispezione
News Successiva
Covid, Commissione UE: no test di viaggio e quarantena per i vaccinati