Salute e benessere

Lancet Diabetes & Endocrinology

Obesità e Covid 19, rischio maggiore per giovani: lo studio

Lo studio pubblicato sulla rivista Lancet Diabetes & Endocrinology

0

0

0

0

0

Obesità e Covid 19, rischio maggiore per giovani: lo studio Obesità e Covid 19, rischio maggiore per giovani: lo studio

Obesità e Covid 19, i giovani in sovrappeso sono più a rischio degli anziani. E' quanto rivela un nuovo studio secondo cui gli adulti più giovani che sono in sovrappeso corrono un rischio maggiore di esiti gravi di COVID-19 , mentre l'obesità non è un fattore importante per la malattia grave nelle persone anziane. I risultati peer-reviewed, pubblicati giovedì sulla rivista Lancet Diabetes & Endocrinology , hanno mostrato che il rischio di ospedalizzazione, ricovero in unità di terapia intensiva (ICU) e morte a causa di COVID-19 è aumentato con il peso nei diversi gruppi di età. Tuttavia, i rischi associati all'eccesso di peso erano maggiori per le persone di età inferiore ai 40 anni. Il peso ha avuto un effetto minimo o nullo sulla probabilità di sviluppare COVID-19 grave dopo gli 80 anni, ha rilevato lo studio. I ricercatori dell'Università di Oxford hanno esaminato i dati su 6,9 milioni di persone che vivono in Inghilterra, inclusi più di 20.000 pazienti COVID-19 che sono stati ricoverati in ospedale o sono morti durante la prima ondata del Regno Unito.

"Sapevamo che l'obesità poteva svolgere un ruolo nella gravità del COVID ... e, cosa importante, è un fattore di rischio molto, molto più forte per i giovani", ha detto Carmen Piernas, autrice principale dello studio e docente di ricerca presso l'Università di Oxford. Una serie di fattori biologici potrebbero contribuire a questa associazione, ma sono necessarie ulteriori ricerche, ha detto Piernas a Global News. Più recettori nel grasso corporeo e nei polmoni possono potenzialmente causare una carica virale più elevata per i pazienti più giovani o potrebbe essere correlata a vie infiammatorie nel corpo, ha spiegato. Tuttavia, negli anziani che sono generalmente a più alto rischio di sviluppare forme gravi di COVID-19, un sistema immunitario più debole e condizioni preesistenti sono fattori importanti che contribuiscono all'eccesso di mortalità, ha detto Piernas. Commentando lo studio, Rebecca Christensen, dottoranda in epidemiologia presso l'Università di Toronto, ha detto che è "sorprendente" vedere che la fascia di età più giovane era a più alto rischio di malattie gravi in ​​base al peso.

Ha detto che una spiegazione potrebbe essere il pregiudizio di sopravvivenza, il che significa che le persone che vivono più a lungo con un eccesso di peso non ne sono influenzate negativamente, mentre i giovani potrebbero avere maggiori probabilità di morire tra i 40, i 50 o i 60 anni a causa dell'eccesso di peso, ha detto Christensen. La Public Health Agency of Canada (PHAC) elenca le persone con obesità grave o un indice di massa corporea (BMI) di 40 o superiore, tra quelle a rischio di malattie più gravi o esiti  da COVID-19. In tutto il mondo, numerosi studi hanno dimostrato che le persone con obesità corrono un rischio maggiore di malattie gravi da COVID-19, con  una meta-analisi che suggerisce che le persone con obesità affrontano un aumento del rischio di ospedalizzazione del 113% e un aumento del rischio del 48% di morte. COVID-19 può causare infiammazioni nel corpo ei rischi per la salute sono aumentati solo se si ha già un'infiammazione a causa dell'eccesso di peso, ha spiegato Christensen. In uno studio di gennaio, condotto da Christensen , la circonferenza della vita alta è stata indicata come un predittore significativo per il test positivo per COVID-19 per le persone di età pari o superiore a 65 anni.

Priorità per i vaccini
Secondo i dati di  Statistics Canada del 2018 , più di un adulto canadese su quattro ha riportato altezza e peso che li classificano come obesi (BMI di 30 o più). L'obesità è una delle principali cause di diabete di tipo 2, ipertensione, malattie cardiache, ictus, artrite, cancro e altri problemi di salute. In Canada, con la vaccinazione di più anziani, c'è stato un cambiamento nella diffusione del coronavirus con un numero crescente di casi tra la popolazione più giovane. Le vaccinazioni in alcune province sono ora aperte ai quarantenni. Ontario, Manitoba e Alberta hanno esplicitamente elencato l'obesità grave tra i criteri per l'ammissibilità al vaccino una volta che i rispettivi programmi si espandono. Tra i gruppi di età più giovane, Piernas ha detto che la priorità dovrebbe essere data alle persone con obesità perché sono a più alto rischio di malattie gravi se infette.

Christensen ha accettato.
"Sostengo al 100% l'idea che le persone con eccesso di peso abbiano la priorità per la vaccinazione", ha detto. "Questo ha senso dato che stiamo vedendo che sono a maggior rischio di gravità e il primo colpo di una vaccinazione COVID-19 riduce principalmente il rischio di una persona di infezione grave".

0

0

0

0

0

Obesita
Covid
Lancet diabetes
Vaccino
Commenti
Obesità e Covid 19, rischio maggiore per giovani: lo studio
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Omega 3, integratore olio di pesce: fa bene alla salute cardiovascolare?
News Successiva
Glicemia alta e diabete: quanta e quale frutta mangiare?