Salute e benessere

Diabete

Diabete: uno strumento per una cura più personalizzata

E' nata una schera di medicina narrativa per persone con diabete di tipo 2

1

0

0

0

0

Diabete: uno strumento per una cura più personalizzata Diabete: uno strumento per una cura più personalizzata

Grazie al progetto DiMmi di+ realizzato con il contributo non condizionato di Novo Nordisk, è nata la prima scheda di medicina narrativa italiana in grado di diminuire la distanza tra le persone con diabete tipo 2 e il loro medico per un percorso di cura più semplice ed efficace. La scheda permette la co-costruzione del racconto di malattia per guidare la narrazione attorno ad alcuni temi importanti nel processo di cura, come la soggettività, il vissuto esistenziale, le relazioni familiari e sociali della persona con diabete. La medicina narrativa è un approccio medico che utilizza le narrazioni dei pazienti nella pratica clinica attraverso il racconto dell’esperienza di malattia e il giovamento terapeutico del dialogo con il proprio medico come parte integrante della cura. In questa costruzione della storia della malattia, non è coinvolto solo il paziente, ma anche il medico deve essere capace d’individuare gli aspetti più importanti per il percorso di cura, motivo per cui assume molta rilevanza anche il vissuto del medico e la sua relazione con il paziente.

La medicina narrativa non si vuole sostituire alla medicina “tradizionale” basata sull’evidenza scientifica, ma rappresenta uno strumento da affiancare per potenziarne gli effetti. Per la realizzazione della scheda narrativa specifica per il diabete, un gruppo di 18 diabetologi attenti al tema è stato coinvolto in alcuni incontri e, partendo dalla cartella parallela sviluppata dalla Columbia University che incoraggia gli operatori sanitari a scrivere l'esperienza del paziente e i propri vissuti rispetto all'esperienza di cura, hanno individuato una serie di spunti narrativi adatti al colloquio con i pazienti con diabete. La scheda è rivolta soprattutto ai pazienti con diabete tipo 2 in fallimento con la terapia orale e che necessitano di un trattamento semplificato per ottenere una maggior efficacia della cura e una maggiore aderenza alla terapia. “Gli aspetti medici del diabete non sono disgiunti da quelli personali della malattia, a partire dagli stili di vita e dalla prevenzione.

Basti pensare che comportamenti e abitudini errati possono compromettere la gestione della malattia, portando all’insorgenza di complicanze a breve e a lungo termine. Inoltre, nel diabete, come in tutte le malattie croniche, l’aderenza terapeutica è un aspetto fondamentale. Solamente il coinvolgimento del paziente nel prendere decisioni terapeutiche può condurre a una cura efficace. Lo strumento da noi sperimentato nel progetto DiMmidi+ permette inoltre un’ottimizzazione del tempo da parte del medico e un risparmio delle risorse economiche della struttura sanitaria”, spiega Donatella Bloise, Referente del Polo di Diabetologia presso l’Ospedale Spolverini ad Ariccia (Roma). “In questo momento dove la pandemia in corso ha reso necessario sostituire parte delle visite negli ospedali e ambulatori con l'impiego della tecnologia, diventa ancora più importante trovare degli strumenti per far sì che le modalità di presa in carico a distanza non allontani il paziente dal medico. In questo senso la medicina narrativa può rappresentare un’importante risorsa per semplificare il percorso di cura e garantire l’efficacia terapeutica.

La semplificazione del percorso di cura, che è anche l’obiettivo dei nuovi farmaci sviluppati negli ultimi anni, è un elemento molto importante soprattutto per quei pazienti che non riescono a ottenere risultati dalle terapie orali, e questa scheda rappresenta un ulteriore strumento in questa direzione”, dice Umberto Goglia, Medico Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio.

1

0

0

0

0

Diabete
Medicina
Commenti
Diabete: uno strumento per una cura più personalizzata
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Perchè mangiamo senza fame anche quando non si è a dieta?
News Successiva
Cosa mangiare contro il Covid: dieta con pochi carboidrati e molti grassi