Politica

M5 e Pd

Ragusa, consiglieri di minoranza denunciano irregolarità

Irregolarità in quarta commissione

0

0

0

0

0

Ragusa, consiglieri di minoranza denunciano irregolarità Ragusa, consiglieri di minoranza denunciano irregolarità

Ragusa, consiglieri di minoranza denunciano ancora le irregolarità in quarta commissione. Sono Sergio Firrincieli e Alessandro Antoci (M5) e Mario Chiavola (Pd). Non solo non demordono dalla loro protesta per cui non partecipano più alle sedute, non solo continuano ad attendere una risposta dall’amministrazione sulla legititmità della riunione del 4 marzo scorso, ma ora denunciano altre irregolarità nella conduzione dei lavori della commissione Risorse del 26 marzo scorso da parte della Presidente Giovanna Occhipinti. Loro sono i consiglieri Sergio Firrincieli e Alessandro Antoci del M5 e Mario Chiavola del Pd.che affermano “ancora più grave, è perseverare nell’errore di tollerare irregolarità e inadeguata gestione dei lavori di commissione, arrivando anche a pubblicare solo 7 minuti di seduta, omettendo di rendere pubblico, come dovrebbe essere, quanto è avvenuto nel corso della seduta di cui, naturalmente, attendiamo il verbale.

Fin troppo chiaro che non si tratta più di errori, di sviste, di leggerezze di superficialità, c’è una evidente impreparazione nella gestione delle sedute, a meno che non ci venga detto che i comportamenti e le procedure non siano volutamente attivate per altri fini”. Secondo i tre infatti di questa ultima seduta dell’organo consiliare “grazie all’onestà intellettuale di più di un componente della commissione, abbiamo potuto ricostruire l’accaduto, da dove vengono fuori elementi di indiscussa gravità, sventati solo grazie alla presenza competente del dirigente che ha messo in guardia dal continuare. Non sappiamo se è regolare sospendere una seduta perché un componente presente chiede di attendere il suo trasferimento in altro posto per seguire la seduta. Si adducevano motivi di difettoso collegamento, gli stessi che, ripresa la seduta, impedivano che si mantenesse il numero legale che garantiva la presenza dei cinque consiglieri di maggioranza. Votazione sul primo punto con soli quattro componenti, ma la presidente ritiene di poter passare all’esame del secondo punto all’ordine del giorno.

Come sia avvenuto il passaggio dal primo al secondo punto non si vede nella registrazione video che finisce alla sospensione di cui si parlava. Ma anche nei pochi minuti di trasmissione si può evincere come la presidente non rinuncia al suo stile e al suo cliché quando parla di livello della discussione che scivola su piani “non edificanti”: stendiamo, per pudore, un velo pietoso sulla padronanza dei termini della lingua italiana, diciamo solo che la presidente evidentemente non sa di cosa parla, o fa finta di non sapere, se afferma che abbiamo avuto tutti i chiarimenti: non attendiamo chiarimenti, che non sono arrivati, ma risposte a domande precise. Come quella che rivolgiamo agli organi competenti del Palazzo, dopo l’ennesima sbandata della presidente che, pur mancando il numero legale, prosegue la seduta e solo dopo l’attento rilievo del dirigente e dopo l’intervento, da lei richiesto, del segretario generale, si rassegna alla sconfitta”. Ma in apertura della loro nota, Firrincieli Antoci e Chiavola avevano premesso “ci sforziamo di capire perché, a tutti i costi, si deve difendere l’operato della presidente della 4ª commissione Risorse.

Dobbiamo dire che la nostra azione di protesta, che poteva semplificare, per la maggioranza, l’esame e l’approvazione di importanti punti all’ordine del giorno della seduta, oltre a provocare un certo imbarazzo in qualche esponente della maggioranza, ha complicato effettivamente le cose, mettendo in risalto il ruolo determinante, ma troppo spesso ignorato, delle minoranze che responsabilmente, più volte, assicurano il numero legale, in aula e in sala commissione”. Ed infine i tre consiglieri di minoranza concludono con il leit motiv che non si stancano di ripetere da quasi un mese dalla seduta ‘incriminata’ “nessuno ha avuto la sensibilità e il coraggio di dare risposte compiute alla nostra unica domanda: poteva o no il presidente della commissione sostituire, arbitrariamente e senza alcuna richiesta, un componente assente, scegliendo il sostituto senza informarlo della sua scelta unilaterale?

È grave che si sorvoli, volutamente, su questo aspetto che da solo inficia gli effetti della seduta, come sarà acclarato da organi superiori di competenza”. (da.di.)

0

0

0

0

0

Consiglieri comunali ragusa
Quarta commissione ragusa
M5 ragusa
Pd ragusa
Commenti
Ragusa, consiglieri di minoranza denunciano irregolarità
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Ragusa Hub vaccinale ex ospedale Civile: bene ma aumentare il numero
News Successiva
Ragusa, Commissione Risorse se ne discute in Consiglio Comunale