Attualità

19 marzo

Zeppole di San Giuseppe: il dolce per la festa del papà

Le origine e la storia della ricetta delle zeppole di San Giuseppe

0

0

0

0

0

Zeppole di San Giuseppe: il dolce per la festa del papà Zeppole di San Giuseppe: il dolce per la festa del papà

Le zeppole di San Giuseppe sono il dolce della festa del Papà. Tra le tradizioni culinarie più amate in Italia ci sono i dolci per la festa di San Giuseppe, la festa del papà del 19 marzo: i bignè fritti nel Lazio, le zeppole napoletane e in altre regioni meridionali, le raviole a Bologna, le Sfincie in Sicilia. Tante varianti, nel ripieno che classicamente è crema  pasticcera ma può essere anche ricotta, fritte o nella versione light al forno, forme diverse ma origine simili. Per le zeppole, diventato il simbolo goloso della festa del papà, la realizzazione è a base di pasta choux di forma circolare con un foro centrale che viene farcito di crema pasticcera e guarnito con amarene sciroppate. Il bignè di San Giuseppe, popolare a Roma, è a base della stessa pasta, riempito di crema ma chiuso e senza frutta.

ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE
Sull'origine della parola 'zeppola' non ci sono fonti certe: potrebbe derivare dal latino serpula(m), ossia serpe, a giustificare la forma arrotondata su se stessa, oppure dal termine ceppo, trasformatosi poi in zeppa, che indicava il pezzetto di legno utilizzato dietro o sotto i mobili quando traballano. Un'altra fonte accreditata riporta le origini del nome sulle strade di Napoli: zeppola deriverebbe da 'zì Paolo', nome del friggitore napoletano presunto inventore di questo dolce.
ZEPPOLE DI SAN GIUSEPPE: NASCITA E STORIA DELLA RICETTA
La prima ricetta di questo dolce si trova nel Trattato di cucina teorico-pratico del 1837 ad opera del cuoco e intellettuale Ippolito Cavalcanti. Nel manuale, il duca di Buonvicino prescrive, in rigorosa lingua napoletana, gli ingredienti (farina, acqua, liquore, marsala, sala, zucchero e olio) per friggere questa pasta particolare che aveva provenienza tutt'altro che nobile. A Napoli erano infatti i friggitori di strada che, il 19 marzo, allestivano banchetti all'esterno delle loro botteghe e vendevano ai passanti le zeppole appena fritte, come nel più moderno street food. Quanto alla forma, furono le suore del Convento di San Gregorio Armeno a Napoli a conferire alla pasta la caratteristica forma rotonda. L'origine tuttavia è ben precedente e anche Goethe nel Gran Tour, in visita nel capoluogo partenopeo alla fine del 1700 scrive: “Oggi era anche la festa di S. Giuseppe, patrono di tutti i frittaroli cioè venditori di pasta fritta…“

0

0

0

0

0

Zeppole san giuseppe
Ricetta zeppole
Festa papa
Commenti
Zeppole di San Giuseppe: il dolce per la festa del papà
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Pasqua e Pasquetta 2021, Sicilia zona rossa: cosa si può fare e cosa no
News Successiva
Modica, avviso Comune: disservizi idrici per lunedì