Appuntamenti

19 marzo

Un piccolo leone con palloncini a Ragusa

Domani per la festa di San Giuseppe

0

0

0

0

0

Un piccolo leone con palloncini a Ragusa Un piccolo leone con palloncini a Ragusa

Un piccolo leone realizzato a mano con l’utilizzo di palloncini a Ragusa. E’ il simbolo di forza che, in occasione della solennità di San Giuseppe, domani, venerdì 19 marzo, sarà consegnato agli operatori sanitari dei vari reparti e ai malati. E’ il senso dell’iniziativa che sarà attuata dall’ufficio diocesano per la Pastorale della salute di Ragusa all’ospedale Giovanni Paolo II. “Come comunità cristiana – dice il direttore dell’ufficio diocesano, il sacerdote Giorgio Occhipinti – nella giornata dedicata a San Giuseppe, vogliamo stare vicini a tutti, a maggior ragione in questo momento di pandemia, ed esprimere la nostra vicinanza ai malati e agli operatori sanitari affidandoli all’intercessione di San Giuseppe che ha custodito e ha protetto Gesù Bambino. Possa proteggere e custodire ciascuno di noi nel cammino della vita segnato dalla sofferenza”.

Domani alle 8 è in programma la santa messa per gli operatori sanitari nel reparto di Ostetricia del nuovo ospedale. Alle 11, nella parrocchia del Santissimo Salvatore, è in programma la santa messa per tutti i malati. Nel pomeriggio, poi, la visita e la benedizione ai malati Covid nei reparti Malattie Infettive e Rianimazione del Giovanni Paolo II. Durante la visita, sarà consegnato agli operatori sanitari e ai malati il simbolo leonino creato e offerto dall’associazione di comico terapia “Ci Ridiamo Su”.

0

0

0

0

0

Leone ragusa
Festa san giuseppe
Festa papa
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Un piccolo leone con palloncini a Ragusa
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Suburbano invisibile: mostra psichiatria Modica
News Successiva
Scicli, prima Giornata in memoria delle vittime Covid