Economia

Confcommercio Sicilia all'Ars: è ora di cambiare marcia

Le risposte del Governo non ci hanno soddisfatto

0

0

0

0

0

Confcommercio Sicilia all'Ars: è ora di cambiare marcia Confcommercio Sicilia all'Ars: è ora di cambiare marcia

Confcommercio Sicilia in commissione attività produttive all’Ars. Le risposte ottenute dal governo regionale non ci hanno soddisfatto. E’ ora di cambiare marcia. troppe le attività che, a causa delle restrizioni, saranno costrette alla chiusura. “Non ci siamo mai sottratti al dialogo, abbiamo chiesto che si potesse lavorare al fianco delle imprese. Ma le risposte finora ottenute non ci hanno soddisfatto. E’ l’ora che il Governo siciliano cambi marcia. E che predisponga la definizione di un nuovo quadro di regole tale da consentire un graduale risveglio dell’economia martoriata da mesi di restrizioni”. E’ il senso del messaggio lanciato dal presidente vicario Confcommercio Sicilia, Gianluca Manenti, nel corso dell’audizione in commissione Attività produttive all’Ars, presieduta dall’on. Orazio Ragusa, richiesta dalle organizzazioni di categoria più rappresentative presenti nell’isola. Le valutazioni di Manenti sull’operato del governo siciliano sono state rivolte all’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano.

“Avremmo voluto – ha continuato Manenti – che le parti sociali fossero ascoltate di più, prendendo maggiormente in considerazione i nostri consigli e i suggerimenti. Tutti abbiamo visto come è finita con il click day e con la questione del Durc per le imprese: non era facile per nessuno richiedere la rateizzazione del debito. Siamo tormentati dal pensiero che gli errori commessi da altri saranno pagati dagli stessi esercenti che si sono visti chiudere le attività. Il futuro della Sicilia sarà segnato da questo periodo di assenza del turismo, dalla diminuzione del denaro circolante, dalla riduzione drastica del numero delle imprese e, in più, quelle che sono rimaste aperte hanno lavorato male. I consumi sono stati ridotti all’osso. Noi che siamo esercenti viviamo di consumi. Se non ci sono consumi, e non moriamo di Covid, moriremo di fame”. Manenti ha poi formalizzato una serie di richieste con l’auspicio che le stesse possano trovare riscontro da parte del Governo regionale.

“Chiediamo – ha detto il presidente vicario – di potere aprire le nostre attività senza discriminazione di settore merceologico, con l’applicazione di protocolli restrittivi e la diversificazione degli orari per le varie attività. Chiediamo l’applicazione di sanzioni severe per chi non rispetta le norme sanitarie e il contigentamento degli accessi alla clientela. Sollecitiamo ristori immediati, congrui e sostanziali, secondo il calo di fatturato e non per codice Ateco. Auspichiamo il potenziamento della misura straordinaria di liquidità gestita dall’Irfis anche in termini di celerità dell’istruttoria. E poi ancora defiscalizzazione e decontribuzione per i possessori di partita Iva, moratoria dei mutui e di qualsiasi impegno finanziario.

Vogliamo, anche, che si possa contare su un cronoprogramma chiaro e rapido per quanto attiene la campagna vaccinale in fase di attuazione”. L’assessore Turano, dopo avere ascoltato, durante l’audizione in commissione, l’intervento di Confcommercio Sicilia, si è detto disponibile a un incontro in tempi rapidi affinché le rispettive posizioni possano essere chiarite.

0

0

0

0

0

Confcommercio sicilia
Ars sicilia
Commenti
Confcommercio Sicilia all'Ars: è ora di cambiare marcia
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Lotteria degli scontrini, ecco tutti gli acquisti non validi
News Successiva
Economia turistica al collasso anche negli iblei