Politica

Ragusa, Cava dei Modicani: dopo l'Aia provvedimento autorizzativo

Parla la deputata regionale Stefania Campo

0

0

0

0

0

Ragusa, Cava dei Modicani: dopo l'Aia provvedimento autorizzativo Ragusa, Cava dei Modicani: dopo l'Aia provvedimento autorizzativo

Dopo la notifica, nella serata di mercoledì 27 gennaio, dell’autorizzazione di impatto ambientale (AIA) da parte dell’assessorato regionale all’ambiente, relativamente all’impianto TMB della discarica di Cava dei Modicani, era atteso per il pomeriggio di giovedì anche il Paur (provvedimento autorizzativo unico regionale). A darne notizia la deputata regionale 5 stelle Stefania Campo che saluta con soddisfazione la notizia ” il Paur porterà, dopo sei lunghi anni, l’impianto di Tmb di Cava dei Modicani a lavorare regolarmente senza più proroghe”. La Campo ha seguito da sempre l’iter tormentato della vicenda e si è detta “autrice di un accorato intervento all’Ars sull’argomento. Un intervento che ha toccato corde scoperte e che è stato condiviso da altre figure politiche, come quella dello stesso presidente dell’Assemblea, Gianfranco Micciché, che ci ha permesso di esortare il governo regionale a dare l’impulso definitivo nella risoluzione della questione.

Siamo ovviamente molto soddisfatti ma le battaglie per rendere la provincia autosufficiente non sono finite qui: è importante che adesso si completi il centro di compostaggio di Vittoria con la realizzazione della copertura e che si trovi la soluzione per alternativa a Cava dei Modicani ormai satura. Tutto questo ridurrà sicuramente i costi nelle bollette dei rifiuti per tutti i cittadini”. (da.di)

0

0

0

0

0

Cava modicani
Rifiuti
Commenti
Ragusa, Cava dei Modicani: dopo l'Aia provvedimento autorizzativo
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Sicilia verso zona arancione: anche Ragusa
News Successiva
Scicli: l'insalata e la doppia morale