Cucina

Creme brulèe classica

Dolci al cucchiaio

0

0

0

0

0

Creme brulèe classica Creme brulèe classica

Uno dei dolci al cucchiaio più golosi e subito riconoscibili è senza dubbio la creme brûlée, delizioso dessert di origine francese ma che ormai si trova in qualsiasi ristorante, apprezzato soprattutto per il gioco di contrasti dato dalla croccantezza della crosticina di zucchero, bruciacchiata fuori, e la morbidezza della crema racchiusa al suo interno. Apparentemente simile alla ricetta della crema catalana, alla vista sono infatti molto somiglianti poiché entrambe hanno una crosticina croccante fuori e una crema di un bel giallo inteso all’interno, si distinguono molto però tra loro per la modalità di cottura e per una differenza di aromi e profumi all’assaggio. Vediamo insieme i segreti della preparazione classica della crema brûlée:

Ingredienti per 8 porzioni 
●  Panna fresca liquida 750 gr 
●  Latte intero 300 gr 
●  Zucchero 160 gr 
● 10 tuorli d’uovo 
● 1 baccello di vaniglia
(dello zucchero in più da cospargere sopra per la caramellizzazione)

Procedimento:  La prima cosa da fare è versare in un pentolino il latte e la panna liquida, aggiungere la bacca di vaniglia e mescolare. Mettere a scaldare a fiamma bassa fino a quando non arriva a bollire. Nel frattempo, prendere una ciotola e una frusta, porre le uova nella ciotola e versare lo zucchero, mescolare delicatamente, i tuorli non vanno sbattuti ma semplicemente amalgamati bene con lo zucchero. Fatta questa operazione, la crema di latte e panna sarà ormai arrivata a bollore e sarà quindi pronta per essere trasferita nella ciotola con zucchero e tuorli. Prima di versare la parte liquida nella ciotola, è importante ricordare di eliminare il baccello di vaniglia, oltre a questo occorre fare attenzione a versare il composto molto lentamente, a filo, mescolando con delicatezza. Il risultato sarà un composto liscio e piuttosto liquido, che una volta filtrato per eliminare eventuali grumi, sarà pronto per essere trasferito nelle ciotole monoporzione.

Passiamo alla cottura a bagnomaria che caratterizza questo dolce e lo differenzia dalla crema catalana. Le ciotoline monoporzione vanno infatti posizionate su una teglia ampia nella quale sarà stata versata dell’acqua bollente ad un’altezza tale da coprire buona parte delle ciotole con il composto.La teglia con i pirottini e l’acqua bollente va poi inserita nel forno per ultimare la cottura, che durerà all’incirca un’ora. Il forno deve essere statico e la temperatura non deve superare i 140° gradi.Quando la superficie risulterà ben dorata allora la crema sarà pronta. A questo punto, non resta che creare l’inconfondibile crosticina di zucchero. Una volta tolte dal forno, spolverare la superficie di ogni ciotola di crema con dello zucchero da far bruciare leggermente con un cannello da cucina, con il quale è possibile ottenere una superficie ben croccante ma non carbonizzata!

Per ottenere la caramellizzazione si può utilizzare sia lo zucchero semolato che lo zucchero di canna, il risultato sarà comunque ottimo! Si tratta di un dolce che va servito preferibilmente a temperatura ambiente, in modo tale da sentire bene i sapori e che è meglio consumare fresco di giornata. Come detto all’inizio, la creme brûlée assomiglia molto nell’aspetto alla crema catalana, anzi, sono praticamente impossibili da distinguere in quanto entrambe presentano una bella crosticina dorata su una crema di colore giallo intenso, ma c’è una differenza fondamentale che le rende ben distinguibili sin dalla prima cucchiaiata, se infatti la creme brûlée viene preparata con la vaniglia, la crema catalana ha un inconfondibile nota di cannella che cambia completamente il sapore. Un altro elemento che aiuta a distinguere questi due dolci è la consistenza la cui differenza è data dalla diversa modalità di cottura: la crema catalana risulta molto cremosa e liscia al palato mentre il dolce francese risulta molto più “budinoso”.

0

0

0

0

0

Creme brulee
Ricetta
Dolce al cucchiaio
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Creme brulèe classica
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Ricette vegane
News Successiva
Ricetta finocchi allo zafferano