Salute e benessere

Dieta contro colesterolo alto: cosa non mangiare

Alcuni consigli per la dieta contro il colesterolo alto

0

0

0

0

0

Dieta contro colesterolo alto: cosa non mangiare Dieta contro colesterolo alto: cosa non mangiare

La dieta contro il colesterolo alto prevede il consumo di alimenti che ne riducono l’innalzamento e aiutano ad abbassare il livello di colesterolo nel sangue. Ma vediamo cosa non bisogna mangiare nella dieta contro il colesterolo alto. Per abbassare il livello di colesterolo nel sangue è necessario diminuire l'apporto di grassi saturi con la dieta riducendo il consumo di: alimenti di origine animale ricchi di grassi, quali carni grasse e frattaglie, insaccati, formaggi, uova, condimenti animali (burro, strutto, lardo). È invece, consigliabile: mangiare frutta e verdura in abbondanza, assumere più fibre, i cibi di origine vegetale (verdura, legumi, frutta, cereali, oli di semi e di oliva) non contengono colesterolo e quindi non contribuiscono all'aumento del colesterolo nel sangue. Se una persona ha il colesterolo alto (ipercolesterolemia) per prima cosa dovrebbe correggere la propria dieta e mangiare in modo più sano.

Se, nonostante tali accorgimenti, i livelli di colesterolo dovessero rimanere elevati, probabilmente il medico prescriverà dei farmaci specifici. I valori al di sopra della norma potrebbero dipendere dai meccanismi interni di produzione del colesterolo. Alcuni cibi contengono naturalmente il colesterolo, noto come colesterolo alimentare. Cibi come reni, uova e gamberi hanno un contenuto di colesterolo più alto di altri alimenti. Tuttavia, i livelli di colesterolo del sangue vengono influenzati più dalla quantità di grassi saturi introdotti con il cibo che dal colesterolo contenuto negli alimenti. Se il medico valuta che sia necessario cambiare la dieta per ridurre il colesterolo nel sangue, la cosa più utile da fare è quella di ridurre il contenuto di grassi saturi e aumentare l'assunzione di frutta, verdura e fibre. Che cos’è il colesterolo? Il colesterolo è un grasso presente nel sangue che viene in gran parte prodotto dall’organismo, mentre in minima parte viene introdotto con la dieta. Mentre, in quantità fisiologiche, il colesterolo è coinvolto in diversi processi fondamentali per il funzionamento dell'organismo, quando è presente in quantità eccessiva costituisce uno dei fattori di rischio maggiori per le malattie cardiache. Il colesterolo in eccesso, infatti, tende a depositarsi sulle pareti delle arterie, provocando la formazione di lesioni che le ispessiscono e le irrigidiscono.

Questo processo, chiamato aterosclerosi, può portare nel tempo alla formazione di placche vere e proprie, che ostacolano - o bloccano del tutto - il flusso sanguigno, con conseguenti rischi a carico del sistema cardiovascolare. Il colesterolo presente nel sangue viene trasportato all’interno di strutture molecolari chiamate lipoproteine. Si riconoscono almeno due tipi principali di lipoproteine: le lipoproteine a bassa densità o LDL (Low Density Lipoprotein, da cui deriva la sigla), conosciute anche come colesterolo "cattivo", perché trasportano l’eccesso di colesterolo dal fegato alle arterie e lo rilasciano nei vasi con conseguente aterosclerosi; le lipoproteine ad alta densità o HDL (High Density Lipoprotein), conosciute a loro volta come colesterolo "buono", perché favoriscono la rimozione del colesterolo dal sangue e la sua eliminazione attraverso i sali biliari, proteggendo di fatto il cuore e i vasi. Il colesterolo totale che si misura nel sangue è a grandi linee la somma di LDL + HDL. Quali sono le cause del colesterolo? Diverse condizioni sono associate allo sviluppo di un colesterolo alto.

Tra queste si possono elencare: sovrappeso, obesità, un'alimentazione non sana, l'abitudine al fumo - che a lungo termine danneggia i vasi sanguigni e accelera il processo di indurimento delle arterie- e la mancanza di attività fisica. Alcune malattie metaboliche, come il diabete, sono spesso associate a ipercolesterolemia. Alcuni individui sono invece geneticamente predisposti a sviluppare l'ipercolesterolemia: è una condizione nota come "ipercolesterolemia ereditaria o familiare" ed è associata ad una serie di mutazioni genetiche. Quali sono i sintomi del colesterolo? La presenza di colesterolo alto nel sangue non provoca alcun sintomo: sottoporsi a un esame del sangue è l' unico modo per rilevare tale anomalia.

0

0

0

0

0

Dieta
Colesterolo alto
Cosa mangiare
Sintomi colesterolo
Cosa non mangiare
Commenti
Dieta contro colesterolo alto: cosa non mangiare
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Covid Italia, 191 mila vaccinati in Italia con 39,8% delle dosi disponibili
News Successiva
Covid Italia, segnali incoraggianti dal vaccino italiano