Salute e benessere

Diabete di tipo 1, attenti alla chetoacidosi diabetica: è pericolosa

Ecco alcune risposte scientifiche

0

0

0

0

0

Diabete di tipo 1, attenti alla chetoacidosi diabetica: è pericolosa Diabete di tipo 1, attenti alla chetoacidosi diabetica: è pericolosa

Il diabete di tipo 1 è meno comune? Cos'è la chetoacidosi diabetica? La chetoacidosi diabetica è una grave complicanza del diabete mellito, in modo particolare di quello insulinodipendente (di tipo I e più raramente di tipo II); è infatti causata da un deficit assoluto di insulina, in risposta al quale l'organismo produce quantità significative di corpi chetonici. Ma vediamo alcune risposte sul diabete di tipo 1 del direttore scientifico e medico dell’American Diabetes Association, Robert Gabbay, pubblicate sul Washington Post. Secondo un rapporto del Centers for Disease Control and Prevention , 34,2 milioni di americani avevano il diabete nel 2018. Di questi, solo 1,6 milioni erano di tipo 1. Poiché il diabete di tipo 1 è meno comune, molte persone hanno idee sbagliate sulla malattia. Il diabete di tipo 1 viene diagnosticato solo ai bambini? "Il vecchio nome era diabete giovanile", afferma Robert Gabbay, direttore scientifico e medico dell'American Diabetes Association . “E ci sono ancora persone che la pensano in questi termini. Ma può svilupparsi a qualsiasi età”. In una persona sana, le cellule beta nel pancreas producono insulina, che funge da condotto per il glucosio per entrare nelle cellule e essere utilizzato per l'energia. Nel diabete, questo processo si interrompe e il glucosio in eccesso è presente nel sangue.

Nel diabete di tipo 2, il corpo diventa resistente all'insulina e non può produrre abbastanza insulina per superare tale resistenza. Nel diabete di tipo 1, una risposta autoimmune attacca le cellule beta del pancreas e alla fine il corpo produce poca o nessuna insulina. “Perché accade questo? La risposta breve è che non lo sappiamo del tutto ", ha detto Gabbay. La malattia sembra essere in parte genetica e in parte innescata da fattori ambientali non ancora del tutto compresi. Il diabete di tipo 1 è genetico? Sebbene esista un collegamento genetico, il trigger che innesca la risposta autoimmune nel tipo 1 può attivarsi a qualsiasi età. Una volta che la malattia inizia, la diagnosi viene solitamente effettuata entro settimane o mesi. A differenza del diabete di tipo 2, che può svilupparsi lentamente nel corso degli anni, l'insorgenza del diabete di tipo 1 è acuta e drammatica. E' dunque fondamentale rivolgersi al proprio medico di famiglia quando si hanno sintomi ricollegabili al diabete per evitare la chetoacidosi diabetica. Ma cos'è la chetoacidosi diabetica(DKA)?

 La DKA è una condizione che si verifica quando la mancanza di insulina fa sì che il corpo inizi a bruciare i grassi per produrre carburante, rilasciando chetoni che si accumulano nel sangue. "Quando si verifica DKA, può essere fatale", ha detto. "Anche con il trattamento, le persone che vengono in ospedale - il tasso di mortalità è relativamente alto." La conclusione è che se il diabete di tipo 1 non viene diagnosticato o un paziente non ha accesso alla diagnosi e al trattamento, è fatale. Un essere umano non può sopravvivere senza insulina.Mangiare troppo zucchero provoca il diabete? È vero che per il diabete di tipo 2 il sovrappeso e l'inattività sono i principali fattori di rischio, sebbene anche altri fattori giochino un ruolo. Ma una cosa che abbiamo imparato con certezza: né la dieta né l'esercizio fisico svolgono un ruolo nel causare il diabete di tipo 1.

Nuove entusiasmanti ricerche possono alla fine portare alla prevenzione o al rallentamento del progresso del diabete di tipo 1 nelle persone che portano i marcatori genetici. La nostra famiglia si è iscritta a uno studio chiamato TrialNet , gestito da una rete di ricercatori, tra cui il National Institutes of Health e l'ADA, in cui i familiari delle persone con diabete di tipo 1 vengono sottoposti a screening per gli autoanticorpi associati alla malattia. Quelli con autoanticorpi potrebbero quindi essere arruolati in prove di trattamenti che potrebbero prevenire lo sviluppo del diabete di tipo 1.

I diabetici non possono mangiare i dolci? I diabetici non solo non possono mangiare i dolci, ad esclusione di quelli per diabetici, ma devono fare attenzione anche agli zuccheri presenti nei carboidrati. I carboidrati, compreso lo zucchero, si scompongono in glucosio una volta digeriti. Per una persona con diabete di tipo 1, ogni carboidrato deve essere contato e compensato con l'insulina. È la matematica in cui i diabetici diventano davvero bravi. Se sbagliano, il loro livello di zucchero nel sangue potrebbe diventare troppo alto o troppo basso, entrambi pericolosi.

0

0

0

0

0

Diabete tipo 1
Diabete
Chetoacidosi diabetica
Carboidrati
Zuccheri
Diabetici
Commenti
Diabete di tipo 1, attenti alla chetoacidosi diabetica: è pericolosa
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Dieta contro stitichezza e contro meteorismo: ecco cosa mangiare
News Successiva
Diabete e Covid 19, farmaci ipoglimecizzanti: rischio chetoacidosi diabetica