Economia

Modica, completata l'illuminazione al quartiere Sorda

Ecco tutte le vie

0

0

0

0

0

Modica, completata l'illuminazione al quartiere Sorda Modica, completata l'illuminazione al quartiere Sorda

Modica  - E’ stata accesa ieri l’illuminazione pubblica in diverse strade del quartiere Sorda dove, nonostante la recente realizzazione di parte degli edifici, non erano mai state realizzate le opere di arredo pubblico connesse agli oneri di urbanizzazione. Le ultime, in ordine cronologico, sono state Vicolo Gaetano Donizetti e Vicolo Alfredo D’Asdia, Vicolo Carlo Cattaneo, Via Nilde Iotti dall’intersezione con Vanella 40 fino alla fine, Via Resistenza Partigiana nel piazzale antistante la Scuola Giovanni Falcone, Via S.Giuliano prima traversa a destra, C.da Pietrenere Via Vanella 87. Oltre all’illuminazione pubblica è stato realizzato anche il nuovo manto stradale nelle parti dove era maggiormente danneggiato.  “Abbiamo sanato una situazione vecchia di anni – commenta il Sindaco – risalente a quando in queste vie sono stati realizzati tantissime nuove abitazioni per le quali sono stati pagati i rispettivi oneri di urbanizzazione.

Il ricavato non è mai stato utilizzato per questo fine ma speso altrove. Quindi i tantissimi residenti (si parla di migliaia di persone) si sono ritrovati ad abitare in una zona di nuova costruzione senza alcuni dei servizi essenziali, quali appunto l’illuminazione pubblica. Ad oggi abbiamo cercato di porre rimedio a tante situazioni simili, ultime quelle di queste vie densamente abitate nel cuore del quartiere Sorda”.

0

0

0

0

0

Illuminazione
Quartiere sorda
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Modica, completata l'illuminazione al quartiere Sorda
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Ragusa: torna il Mercatino degli agricoltori Km0
News Successiva
Ragusa, sostegni alle imprese delle ex zone rosse