Cronaca

Finanza Ragusa, sequestrati beni per 900 mila euro

Controlli su società con sede a Ragusa e Vittoria

0

0

0

0

0

Finanza Ragusa, sequestrati beni per 900 mila euro Finanza Ragusa, sequestrati beni per 900 mila euro

Ragusa - I militari del Comando Provinciale di Ragusa hanno portato a termine le indagini relative ad un’ingente evasione fiscale posta in essere da tre fratelli ragusani (L.V., L.M. e L.G.) interessati alla gestione di altrettante società operanti nel settore del trasporto merci su strada, con sede a Ragusa e Vittoria. L’operazione, condotta sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Ragusa, che ha visto impegnata la locale Compagnia, si è conclusa con il sequestro, disposto dall’Ufficio del G.I.P. presso il Tribunale ibleo, di denaro ed altre risorse economiche per oltre 900 mila euro, considerato illecito profitto dei reati tributari contestati ai tre indagati, ritenuti responsabili dei delitti di dichiarazione infedele, omesso versamento di IVA e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. In sintesi, le indagini traggono origine dall’approfondimento di una segnalazione per operazioni sospette generata dal sistema di prevenzione antiriciclaggio ed hanno permesso di portare alla luce l’esistenza di un consolidato schema fraudolento realizzato dai tre indagati, nell’ambito del quale: L.V. e L.M., in qualità di amministratori di una delle società del gruppo omettevano di dichiarare ai fini IVA un ingente parte delle operazioni imponibili e contestualmente omettevano di versare un’imposta dovuta per oltre 560 mila euro;

L.V. ed L.G., in qualità di amministratori di una seconda società, trasferivano formalmente, attraverso un fittizio contratto di affitto d’azienda, capitali e cespiti societari ad una terza società al fine di impedire possibili procedure di riscossione coattiva per un credito tributario vantato dall’Erario, per la somma complessiva pari a circa 343 mila euro. Il risultato di tali condotte portava alla creazione di una falsa rappresentazione della realtà relativa alla nuova governance dell’impresa familiare che, nonostante la creazione di una nuova società formalmente intestata ad un soggetto terzo, faceva sempre capo a L.V., effettivo dominus dell’azienda. Nel dettaglio, anche grazie ad indagini di natura tecnica, è stato chiaramente acclarato il ruolo di L.V. impegnato a gestire tutti i mezzi e le risorse delle società riconducibili al gruppo familiare come se si trattasse di un unico soggetto.

In questo senso, il contratto d’affitto di azienda stipulato nel 2019 ha avuto lo scopo di creare un fittizio schermo giuridico per trasferire formalmente i mezzi, i contratti in essere con i clienti e tutte le attività ad una nuova società, a scapito dell’Erario e degli altri creditori della vecchia società.

0

0

0

0

0

Guardia finanza
Evasione fiscale
Sequestro beni
Societa ragusa vittoria
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Finanza Ragusa, sequestrati beni per 900 mila euro
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Furti a Vittoria: fermati tre minorenni
News Successiva
Incidente mortale a Ragusa: Stefania non ha avuto colpa