Attualità

Virus

Modica, 5 positivi al Covid ricoverati all'ospedale Maggiore

Tutti occupati i posti letto dell'ospedale Maria Paternò Arezzo di Ragusa

1

6

1

0

0

Modica, 5 positivi al Covid ricoverati all'ospedale Maggiore Modica, 5 positivi al Covid ricoverati all'ospedale Maggiore

Modica – Quattro persone positive al Covid 19 arrivate nella giornata di oggi al Pronto Soccorso dell’ospedale Maggiore di Modica saranno ricoverate nelle prossime ore nel nosocomio modicano. Secondo le prime informazioni la decisione è stata presa poiché i posti letto attivati all’ospedale Maria Paternò Arezzo di Ragusa (Ompa) sono tutti occupati. In queste ore si stanno attivando tutte le procedure per il  ricovero dei 5 pazienti positivi al coronavirus, tra cui un’anziana in gravi condizioni, nel reparto di Malattie Infettive dell’ospedale Maggiore di Modica. Si tratta due paziente di Modica, uno di Ispica, uno di Scicli e uno di Pozzallo.

Sale così il numero delle persone contagiate al Covid in provincia di Ragusa che necessitano di ricovero per sintomi legati a problemi respiratori e febbre alta. La situazione nel territorio ibleo sembra peggiorare di giorno in giorno, i positivi in isolamento domiciliare sono arrivati a quota 700. In particolare preoccupa l’elevato numero dipositivi a Vittoria, arrivato a 375, a Ragusa arrivato a quota 134 e a Modica raddoppiato a 42 in sole 24 ore. Non si esclude che alcune aree dell'ospedale Giovanni Paolo II nelle prossime ore vengano trasformate in aree Covid.

1

6

1

0

0

Covid modica
Positivi ricoverati modica
Covid ospedale modica
Ospedale Giovanni paolo II
Commenti
Modica, 5 positivi al Covid ricoverati all'ospedale Maggiore
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
700 positivi Covid in provincia di Ragusa: 375 a Vittoria, 134 Ragusa e 42 Modica
News Successiva
Emergenza Covid Ragusa, sospesa attività chirurgica all'ospedale Giovanni Paolo II