Attualità

La buona sanità dell'Asp di Ragusa in una lettera: grazie vi sarò sempre riconoscente

Un paziente ringrazia gli operatori sanitari di diversi reparti

0

0

0

0

0

La buona sanità dell'Asp di Ragusa in una lettera: grazie vi sarò sempre riconoscente La buona sanità dell'Asp di Ragusa in una lettera: grazie vi sarò sempre riconoscente

La buona sanità dell'Asp di Ragusa in una lettera: grazie vi sarò sempre riconoscente. Un paziente ringrazia gli operatori sanitari di diversi reparti

Ragusa,8 ottobre 2020 – Una lunga lettera scritta da un paziente che ha sentito il bisogno di raccontare della sua esperienza all’Asp di Ragusa. Il signor F.P. ha voluto ringraziare gli operatori sanitari di diversi reparti tracciando i vari momenti che ha vissuto: dall’inizio e fino alla fine del suo ricovero negli ospedali di Ragusa e Vittoria.  Di seguito la lettera:  “È giusto e doveroso che si raccontino anche le belle storie e le belle persone che ogni giorno sono al servizio del cittadino! La mia è una di quelle tante storie che spesso non hanno rilevanza mediatica e che passano inosservate!! È per questo che ho deciso di raccontarla... È stato subito evidente quel pomeriggio del 24 agosto tornado da lavoro, che la mia situazione, dopo un incidente con la moto, era abbastanza seria.

L’impatto con l’asfalto rovente mi ha provocato una tremenda ferita da ustione di 3° grado al malleolo destro, oltre a diverse fratture scomposte del piede…Subito si è intervenuto al “R. Guzzardi” di Vittoria alle prime cure in Pronto Soccorso. È stato fatto tutto il possibile e una équipe meravigliosa e preparata è riuscita a ricompattare quella confusione di ossa distrutte che ormai formava il mio piede!!!! Hanno collaborato insieme in equipe gli ortopedici ed il personale di sala operatoria di Ortopedia, gli anestesisti e gli infermieri di Anestesia. Un fissatore esterno era l’unica soluzione in quel momento ma il problema più serio rimaneva sempre la ferita profonda al malleolo!!! Si doveva decidere sul da farsi e in fretta! 

Il giorno seguente l’intervento sono stato inviato per una consulenza di chirurgia plastica al GPII di Ragusa dove ho conosciuto il dr. Giuseppe Lombardo che mi ha ispirato subito fiducia per i suoi modi gentili e per la sua sicurezza e disponibilità. Tra tutte le ipotesi fatte, una mi sembrò quella più adatta! Un trapianto di pelle con arteria, da prelevare dal mio braccio per essere poi trapiantata nella ferita del piede. Un intervento particolarmente difficile e delicato (eseguito per la prima volta in provincia di Ragusa), che mi ha dato la possibilità di poter iniziare l’iter di una futura guarigione e per il quale non smetterò mai di ringraziare il dottore chirurgo plastico Giuseppe Lombardo, un uomo straordinario e al contempo di una professionalità unica e di una straordinaria bravura … un VERO MEDICO!!!

L’intervento è stato lungo e delicato ma è riuscito alla perfezione grazie a tutta l’equipe formata dal Direttore U.O.C. di Ortopedia e Traumatologia del Giovanni Paolo II di Ragusa dottor Giorgio Sallemi, dal dottor Oscar Cammarata (nuovo Direttore U.O.C. di Ortopedia e Traumatologia di Vittoria), dal direttore U.O.C. di Anestesia e Rianimazione e di Sala Operatoria dr Rabito Luigi e da tutto l’eccellente personale della corsia che ringrazio di cuore. Sono queste le persone meravigliose che ogni giorno lavorano per curare e salvare le vite, che ho avuto il piacere di conoscere e di cui ho voluto mettere in risalto in primis la professionalità ma anche L’ umanità che li contraddistingue! Vi sarò sempre riconoscente. F.P.”

0

0

0

0

0

Ospedale
Ospedale vittoria
Lettera
Buona sanita
Ospedale ragusa
Commenti
La buona sanità dell'Asp di Ragusa in una lettera: grazie vi sarò sempre riconoscente
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Ragusa, il Questore Giusy Agnello accoglie i volontari dell'Aism
News Successiva
Ragusa, visita del nuovo comandante dei carabinieri della Sicilia