Salute e benessere

Salute

Virus Covid 19 quanto tempo vive nell'aria e per quanto tempo rimane infettivo?

Lo studio di alcuni ricercatori britannici sul coronavirus

0

0

0

0

0

Virus Covid 19 quanto tempo vive nell'aria e per quanto tempo rimane infettivo? Virus Covid 19 quanto tempo vive nell'aria e per quanto tempo rimane infettivo?

Quanto tempo vive nell’aria il virus del Covid 19? E’ a questo interrogativo che stanno cercando di rispondere moltissimi scienziati nel mondo. E per quanto tempo può sopravvivere il coronavirus nelle minuscole particelle di aerosol che espiriamo? A questa domanda stanno cercando una risposta in un laboratorio ad alta sicurezza vicino a Bristol. E' quanto si legge sul sito The Guardian. Lunedì inizieranno a lanciare minuscole goccioline di Sars-CoV-2 vivo e a farle levitare tra due anelli elettrici per testare per quanto tempo il virus trasportato dall'aria rimane infettivo in diverse condizioni ambientali.

"È una domanda molto importante", ha affermato il prof. Denis Doorly, esperto di meccanica dei fluidi presso l'Imperial College di Londra, che non è coinvolto nella ricerca. "Ora c'è un enorme interesse per ciò che potrebbe essere necessario per mitigare il rischio di infezione in spazi chiusi, in termini di ventilazione naturale migliorata, sistemi di lavaggio dell'aria o illuminazione UV-C, ma tutto dipende dalla conoscenza della quantità di virus vitale rimane sospeso nell'aria. " Fino ad ora, ci si aspettava che il Covid-19 si trasmettesse prevalentemente in goccioline respiratorie, prodotte quando una persona infetta tossisce, starnutisce, canta, parla o respira. Questi cadono rapidamente a terra, fornendo la logica alla base della regola dei 2 metri. 

Tuttavia, tra gli esperti, vi è un consenso crescente sul fatto che il virus possa persistere in goccioline più piccole chiamate aerosol, che possono essere trasportate per distanze maggiori dalle correnti d'aria e accumularsi in spazi poco ventilati. Questo sospetto si basa in gran parte su focolai in ristoranti e cori, dove le persone hanno contratto il virus nonostante si trovino a una certa distanza dalla persona infetta. Il materiale genetico del virus è stato rilevato anche in campioni d'aria provenienti da stanze scarsamente ventilate, come i bagni degli ospedali, ma nessuno ha ancora identificato virus infettivi vivi nei campioni d'aria, ha detto il prof Jonathan Reid dell'Università di Bristol, che guida il nuovo ricerca. "Sappiamo che quando batteri o virus si diffondono nell'aria nelle goccioline respiratorie si seccano molto rapidamente e possono perdere la vitalità, quindi questo è un passo importante da capire quando si valuta il ruolo della trasmissione per via aerea nel Covid-19".  Per decenni, gli scienziati hanno utilizzato contenitori sigillati chiamati tamburi Goldberg per studiare per quanto tempo i virus possono sopravvivere nelle goccioline di aerosol. Il virus viene spruzzato nel tamburo, che ruota per mantenere le goccioline nell'aria, e i campioni vengono rimossi a intervalli regolari e testati per virus vivi. Utilizzando questo metodo, i ricercatori statunitensi hanno stimato che S ars-CoV-2 ha un'emivita dell'aerosol di 1,1-1,2 ore - il che significa che metà delle particelle cadono dall'aria dopo questo periodo - e il virus infettivo potrebbe ancora essere rilevato dopo tre ore , quando l'esperimento è terminato. 

Eppure queste stime sono imprecise, a causa del tempo necessario per spruzzare il virus nel tamburo e della grande quantità di fluido utilizzato, che non replica accuratamente ciò che accade quando si tossisce o si respira. Invece, i ricercatori di Bristol hanno sviluppato un apparato che consente loro di generare un numero qualsiasi di minuscole particelle contenenti virus - invisibili ad occhio nudo - e farle levitare delicatamente tra due anelli elettrici per qualsiasi cosa, dai secondi, alle ore, ai giorni. La temperatura, l'umidità e l'intensità della luce UV dell'aria circostante sono strettamente controllate e possono essere manipolate per replicare vari scenari del mondo reale. 

"Possiamo imitare efficacemente un inverno britannico freddo e umido - o anche un'estate calda e secca in Arabia Saudita - per vedere come queste differenze drammatiche nelle condizioni ambientali influenzano il tempo in cui il virus rimane infettivo mentre è sospeso nell'aria", ha detto Allen Haddrell, il chimico dell'Università di Bristol che ha progettato e costruito l'apparato, chiamato Celebs (levitazione elettromagnetica controllata ed estrazione di bioaerosol su un substrato) utilizzando stampanti 3D.  Le tre celebrità assomigliano a piccoli robot dai colori vivaci e sono alloggiate all'interno di un armadio di plastica sigillato, all'interno di un laboratorio di contenimento di livello tre, progettato per gestire i germi che causano gravi malattie umane. Sono stati scherzosamente chiamati Bumblebee, Megatron e Optimus Prime, dopo i giocattoli Transformers degli anni '80, sebbene il loro scopo sia incommensurabilmente più serio. Il team sta ricevendo finanziamenti dal Regno Unito per la ricerca e l'innovazione e il National Institute for Healthcare Research, mentre il governo degli Stati Uniti ha anche espresso interesse a esportare la tecnologia per studiare altri patogeni. 

Fino ad ora, il team ha praticato la levitazione di aerosol contenenti un coronavirus di topo, che è innocuo per l'uomo. Qui, hanno visto un forte calo dell'infettività entro i primi 10 minuti dalla sospensione del virus. "Abbiamo anche visto che a 10 ° C, questo virus del topo sopravvive molto più a lungo che a temperature più calde", dice Haddrell.  Lunedì inizieranno a far levitare Sars-CoV-2 dal vivo per la prima volta, il che significa che potrebbero avere i primi risultati entro la fine della settimana. Questi saranno messi a disposizione dei responsabili politici e presentati per la revisione tra pari su riviste scientifiche, ha detto Reid. “Penso che la scienza vada bene e mostrerà al principale che è possibile modificare l'ambiente per ridurre la sopravvivenza del virus. Ma l'applicabilità potrebbe essere complicata, a seconda dei fattori ambientali che identificano ", ha avvertito il dott. Julian Tang, un virologo consulente presso Leicester Royal Infirmary. "Non ti siederai in un teatro o al cinema se la temperatura è di 35 ° C e l'umidità è dell'80%."

0

0

0

0

0

Virus
Covid
Sopravvive
Aria
Studio
Bristol
Commenti
Virus Covid 19 quanto tempo vive nell'aria e per quanto tempo rimane infettivo?
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Mangia troppa liquirizia e muore per ipopotassiemia
News Successiva
Covid 19, ecco perchè virus colpisce uomini in forma più grave