Salute e benessere

Salute

Melanoma: immunoterapia contro il tumore maligno della pelle

Lo studio dell'Università di Berna

0

0

0

0

0

Melanoma: immunoterapia contro il tumore maligno della pelle Melanoma: immunoterapia contro il tumore maligno della pelle

Il melanoma è un tumore maligno delle cellule del pigmento. Se viene diagnosticaoprecocemente, il tumore può essere rimosso completamente e le possibilità di guarigione sono buone. Ma nelle fasi successive, quando il tumore si è già diffuso o ha formato metastasi in altre parti del corpo, le prospettive peggiorano per le persone colpite.

Nessun effetto per una buona metà dei pazienti: i cosiddetti inibitori del checkpoint immunitario, che sono stati approvati negli ultimi dieci anni, sono un raggio di speranza e la professione medica ha ottenuto successi terapeutici spettacolari con questi medicinali. Tuttavia, in una buona metà di tutti i pazienti queste terapie non mostrano alcun effetto benefico. Ma ora, il lavoro del gruppo di ricerca guidato da Mirjam Schenk dell'Istituto di patologia dell'Università di Berna mostra un modo promettente per aumentare l'efficacia del trattamento e aiutare molti più pazienti rispetto a prima.  In collaborazione con ricercatori statunitensi, il team guidato da Schenk ha scoperto il ruolo di una molecola segnale che le cellule del sistema immunitario del corpo utilizzano per coordinare le loro funzioni. La molecola è chiamata interleuchina-32, IL-32 in breve. Nella complessa interazione delle cellule immunitarie all'interno e nelle immediate vicinanze di un tumore , ha presto rivelato un doppio effetto. "Colpisce due piccioni con una fava", dice Schenk.

Rendere nuovamente attaccabili i tumori: da un lato, IL-32 porta alla maturazione e all'attivazione delle cosiddette cellule dendritiche responsabili del riconoscimento di strutture estranee. Inoltre, IL-32 innesca anche macrofagi o cellule scavenger per secernere attrattivi per le cellule T. È così che queste cellule immunitarie trovano la loro strada verso il tumore, dove possono eliminare le cellule tumorali. I tumori devono sfuggire al rilevamento da parte del sistema immunitario affinché possano crescere. Questo è il motivo per cui si stabiliscono in ambienti immunosoppressi che sono ospitali per la crescita del cancro. Chiaramente, IL-32 è in grado di rendere nuovamente accessibili al sistema immunitario queste nicchie protettive del tumore. Con prove sui topi, i ricercatori guidati da Schenk hanno dimostrato che l'efficacia degli inibitori del checkpoint immunitario può essere migliorata dalla somministrazione simultanea di IL-32.

Il trattamento di combinazione una strategia terapeutica promettente: Nei modelli animali, l'IL-32 somministrato in aggiunta non ha causato effetti collaterali. Resta da vedere se questi risultati possano essere trasferiti all'uomo, afferma Schenk. Tuttavia, un ulteriore argomento parla certamente del fatto che il trattamento combinato rappresenta una "strategia di trattamento promettente", come scrivono i ricercatori guidati da Schenk nel loro articolo specialistico pubblicato di recente sul Journal Of Clinical Investigation Insight . Come hanno potuto dimostrare con analisi bioinformatiche, i pazienti con melanoma con più attività di IL-32 hanno un'aspettativa di vita migliorata, da un punto di vista statistico.

 La ricerca di Mirjam Schenk è supportata dalla Swiss National Science Foundation (SNSF), la fondazione per la biomedicina sperimentale, la fondazione Helmut Horten, la fondazione per la ricerca clinico-sperimentale sui tumori e la fondazione Wilhelm Sander. (Fonte Università di Berna)

0

0

0

0

0

Melanoma
Tumore
Pelle
Maligno
Studio
Immunoterapia
Salute
Commenti
Melanoma: immunoterapia contro il tumore maligno della pelle
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Influenza, corsa italiani a info su vaccino
News Successiva
Nuova terapia di stimolazione midollare per combattere il dolore cronico lombare