Cultura

Modica, corona d'alloro nella casa natale di Salvatore Quasimodo

Anniversario dei 119 anni di nascita

0

0

0

0

0

Modica, corona d'alloro nella casa natale di Salvatore Quasimodo Modica, corona d'alloro nella casa natale di Salvatore Quasimodo

Modica - Con la deposizione della corona d’alloro nella casa natale di Salvatore Quasimodo, in Via Posterla, l’Associazione Proserpina, l’Amministrazione Comunale e l’Associazione VIA hanno così voluto ricordare giovedì i 119 anni dalla nascita di Salvatore Quasimodo, Nobel per la letteratura anno 1959. Le iniziative, piuttosto partecipate, che hanno celebrato la ricorrenza sono state quelle di un tour “poetico” che ha visto le guide, Sabrina Tavolacci e Manuela Modica, accompagnare turisti, visitatori e appassionati delle liriche quasimodiane lungo un percorso cittadino con delle soste nei luoghi dove i versi delle poesie del Nobel sono stati impressi in eleganti maioliche e lette da Sabrina Tavolacci, “L’Isola di Ulisse” e la “Gazza Ladra”; poesia che ha concluso la cerimonia di deposizione della corona d’alloro.

Nel tour erano comprese le soste davanti la Chiesa di San Pietro e a quella di San Giorgio con un’articolata spiegazione dei due monumenti, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, di Manuela Modica. La deposizione è stata fatta alla presenza dell’assessore alla Cultura, Maria Monisteri e del direttore onorario del Museo Civico di Modica, del prof. Giovanni Di Stefano e  come testimonial dalla cugina di Alessandro Quasimodo, Bianca Baroni, figlia di Giuliana Quasimodo.

0

0

0

0

0

Salvatore quasimodo
Poesia
Alloro
Casa natale
Commenti
Modica, corona d'alloro nella casa natale di Salvatore Quasimodo
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Quarant'anni in versi di Francesco Basile al Pata Pata di Sampieri
News Successiva
Da sempre per sempre: il libro di Sarh Donzuso a Sampieri