Salute e benessere

Salute

Dieta anti ictus: cos'è e come funziona

Meno rischi con frutta e pesce

0

0

0

0

0

Dieta anti ictus: cos'è e come funziona Dieta anti ictus: cos'è e come funziona

Roma – La dieta anti ictus prevede il consumo di alcuni alimenti che aiutano a ridurre i rischi. Tra gli alimenti che non devono mancare mai ci sono: olio d'oliva, frutta, verdura e pesce azzurro. Questi alimenti riducono fino al 20% il rischio di ictus cerebrale, che rappresenta ancora la seconda causa di morte a livello mondiale e la terza nei paesi industrializzati. E le previsioni non sono delle migliori: entro il 2020 la mortalità rischia di raddoppiare a causa dell’invecchiamento della popolazione. L’ictus cerebrale, però, non solo si può curare, ma si può prevenire nell’80% dei casi: le linee guida sia nazionali che internazionali raccomandano di seguire adeguati stili di vita, che portino a controllare l’eccessivo peso corporeo e l’obesità, attraverso l’attività fisica moderata e costante, e un’alimentazione sana come quella che prevede la dieta mediterranea.

La prevenzione inizia a tavola. In numerosi studi epidemiologici, infatti, la dieta è stata individuata come uno dei principali fattori di rischio modificabile. L’Organizzazione mondiale della sanità ha valutato in circa 2,6 milioni di casi l’anno il totale delle morti attribuibili a un inadeguato consumo di frutta e verdura. Aumentando il consumo individuale fino a 600 grammi al giorno, si potrebbe ridurre il rischio di infarto e ictus rispettivamente del 31% e del 19%.Consumare in particolare agrumi, mele, pere e verdure a foglia contribuisce molto alla protezione: un incremento di circa 200 grammi al giorno, sia di frutta che di verdura, fa diminuire il rischio ictus rispettivamente del 32% e dell'11%.

Un alto consumo di olio di oliva extravergine viene considerato come uno degli elementi che contribuisce maggiormente a proteggere il sistema cardiovascolare: un incremento di 23 grammi al giorno di consumo di olio di oliva è stato inversamente associato all’incidenza dell’ictus (riduzione del rischio del 20%) e alla mortalità (riduzione del rischio dell’11%). Se da una parte ci sono nutrienti da consumare con moderazione, come sodio, alcol e grassi saturi perché aumentano il rischio vascolare, per altri, invece, è stato evidenziato un effetto protettivo: omega 3, fibre, vitamina B6 e B12, così come l’assunzione di calcio e potassio diminuiscono il rischio di ictus cerebrale.

Ecco in sintesi cinque consigli anti-ictus: 1. Consumare pesce almeno 2 volte alla settimana, soprattutto salmone, pesce spada, pesce azzurro o trota 2. Ridurre l'apporto di sale a massimo 5 gr al giorno 3. Consumare almeno 3 porzioni di frutta e almeno 2 di verdura al giorno 4. Limitare il consumo di grassi e condimenti di origine animale, preferendo quelli di origine vegetale 5. Bere non più di 2 bicchieri di vino al giorno.

0

0

0

0

0

Dieta
Ictus
Rischi
Mangiare
Frutta
Pesce
Commenti
Dieta anti ictus: cos'è e come funziona
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Dieta anti afa contro il caldo e per dimagrire
News Successiva
Stella di metallo in trachea, bimbo salvato al Niguarda