Cultura

Incontro culturale a Ragusa: 5 spazi e 530 posti

Assessori Arezzo e Barone incontrano mondo culturale

0

0

0

0

0

Incontro culturale a Ragusa: 5 spazi e 530 posti Incontro culturale a Ragusa: 5 spazi e 530 posti

Ragusa - Cinque spazi di proprietà comunale per un totale di circa 530 posti nel rispetto delle normative anti covid  e la possibilità di potere prevedere diverse repliche dello spettacolo in modo da ampliare il numero di spettatori che potranno fruire dello spettacolo e consentire agli organizzatori di  recuperare le spese di produzione dell’evento. In estrema sintesi questo il risultato raggiunto nel corso degli affollati incontri che gli assessori alla cultura Clorinda Arezzo e al turismo e spettacolo Ciccio Barone hanno avuto con associazioni ed operatori culturali per  presentare il piano predisposto dall’Amministrazione comunale per ciò che concerne gli aspetti logistici riguardanti l’organizzazione degli eventi  della stagione estiva.

Incontri, come previsto, che si sono svolti, presso il Centro direzionale comunale della zona artigianale, in due sessioni, mattutina e pomeridiana visto l’alto numero di adesioni da parte del mondo culturale ragusano. Alla riunione, oltre ai due assessori, presenti anche Corrada Iacono, presidente della commissione consiliare cultura e Nuccio Iacono incaricato dal sindaco ad occuparsi  dei servizi inerenti la gestione del patrimonio museale architettonico e monumentale dell’Ente che comprende anche il Castello di Donnafugata. Ai partecipanti ai due incontri  gli  assessori Arezzo e Barone hanno fatto presente  che il Comune, in relazione alle disposizioni normative anti covid che vietano la presenza contestuale di un numero elevato di persone ad ogni singolo evento nel corso del quale sarà sempre necessario mantenere le distanze di sicurezza,  ha individuato cinque siti  in cui potranno essere programmati le iniziative nel corso della stagione estiva.

Si tratta del viale centrale del Giardino Ibleo di Ragusa Ibla nel cui sito sarà possibile prevedere un massimo di n. 90 posti,  dello spazio attrezzato per spettacoli del City ubicato all’interno del Parco Giovanni Paolo II (circa 80 posti),  della Rotonda del Lungomare Andrea Doria di Marina di Ragusa  (circa 150 posti),  del cortile interno del Castello di Donnafugata (circa 80 posti) ed uno spazio ai piedi della scalinata che si affaccia sul parco, sempre dell’antico maniero (circa 130 posti). Molte associazioni, come riferito dall’assessore alla cultura e beni culturali  Clorinda Arezzo, hanno già presentato diverse proposte e progetti di attività, ed è stato rivolto anche un invito a chi non l’avesse ancora fatto, a far pervenire le richieste entro il 28 giugno prossimo in modo da potere essere pronti a lanciare il programma complessivo della attività entro i primi quindici giorni del mese di luglio.

I dettagli più tecnici sono stati invece chiariti dall’assessore  al turismo e spettacolo Ciccio Barone “il Comune di Ragusa  metterà a disposizione di chi organizzerà gli eventi una delle location individuate dall’Ente in cui si  vorrà proporre lo spettacolo, il palco, il service e le sedie. Chi organizzerà l’evento, che dovrà concludersi non oltre le ore 24, dovrà garantire la presenza di  personale qualificato  in materia di sicurezza e degli steward al fine di svolgere attività di vigilanza e controllo dell’accesso degli spettatori ad ogni singolo evento entro il limite massimo di persone che sarà consentito”. Da parte loro, molti rappresentanti delle associazioni hanno soprattutto posto all’attenzione degli amministratori comunali la necessità di essere messi nelle condizioni di potere coprire le spese per l’allestimento e messa in scena dello spettacolo, considerando il ridotto numero di spettatori previsto e praticando un prezzo politico che favorisca la partecipazione.

A questa osservazione hanno riposto sia l’assessore Arezzo sia l’assessore Barone che hanno assicurato che a ciascun organizzatore sarà data la possibilità di potere prevedere diverse repliche dello spettacolo in modo da potere ampliare il numero di spettatori che potranno fruire dello spettacolo e dando modo agli organizzatori di recuperare le spese di produzione dell’evento. A margine degli incontri, Ciccio Barone ha anticipato che diversi comuni della provincia con in testa quello di Ragusa al fine di incentivare il turismo nel territorio stanno lanciando l’iniziativa, che partirà il 15 luglio prossimo, che prevede il coinvolgimento di diverse attività ricettive che  offriranno un pernottamento gratis a chi acquisterà un pacchetto di almeno tre giorni. 

“I comuni iblei che hanno aderito all’iniziativa – ha spiegato Barone -  si faranno carico delle spese di pubblicizzazione del progetto, delle visite guidate gratuite di chi soggiornerà per almeno tre giorni nelle strutture e delle spese di trasporto per raggiungere la struttura ricettiva a chi arriverà nel territorio utilizzando il catamarano proveniente da Malta o in aereo atterrando a Comiso utilizzando i vettori con cui verrà sottoscritto uno specifico accordo”.  (da.di.

0

0

0

0

0

Incontro
Culturale
Spazi
Cinquecento posti
Commenti
Incontro culturale a Ragusa: 5 spazi e 530 posti
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Il bello della natura a Comiso: dal lockdown alla Fase 3
News Successiva
Il Bianco contemporaneo alle Quam a Scicli