Salute e benessere

Dieta al contrario per dimagrire mangiando: ecco la Reserve Diet

Sblocca il metabolismo

0

0

0

0

0

Dieta al contrario per dimagrire mangiando: ecco la Reserve Diet Dieta al contrario per dimagrire mangiando: ecco la Reserve Diet

Dimagrire con la dieta Reserve Diet è il modo migliore per perdere peso mangiando. Ma come funziona la dieta Reserve Diet? La reverse diet, è come dice il nome stesso, una dieta al contrario. In pratica si mangia di più per riuscire a sbloccare il metabolismo e dimagrire. La nota dolente che molti fanno fatica ad accettare è che bisogna mettere in conto che, per poter dimagrire, si deve prima “ingrassare”. Ma si tratta solo di un passaggio in quella che è la strada giusta per dimagrire per sempre ed in salute. In pratica andrete ad aumentare il vostro introito calorico senza prendere peso (se non un paio di chili iniziali) per poi perderlo gradualmente.

Smettere di lottare con il vostro corpo e cominciare una Reverse diet vi porterà a perdere cm e a mantenere un fisico tonico e asciutto tutto l’anno. Il segreto della Reserve Diet per dimagrire mangindo tano sta nel fatto che con questo metodo si riattiva il metabolismo. Spesso infatti le diete restrittive non fanno dimagrire proprio perché il metabolismo non è attivo e non funziona in modo sano. Le diete troppo restrittive e che non tengono conto del giusto apporto di macros portano l’organismo a mettere in pratica una sorta di meccanismo di difesa che lo porta a boicottare la dieta. C’è poi da tenere in considerazione anche il fatto che molte persone non devono dimagrire. Magari sono già al loro peso forma ma si vedono troppo morbide e poco toniche. In questo caso l’aspetto sodo non si ottiene solo perdendo grasso ma aumentando la massa magra. Importante quindi accompagnare la sana alimentazione allo sport.

Se il nostro metabolismo ha risentito delle mille diete provate sinora e non dimagriamo anche se stiamo sulle 1200 kcal (o meno) nonostante ci sia grasso da smaltire, la soluzione è proprio la Reserve Diet. Siamo al punto in cui il nostro si è adattato aumentando l’efficienza metabolica. In pratica assimila quasi tutto quello che introduciamo e abbassa il deficit energetico. Quindi per riattivare il metabolismo occorre ad esempio reinserire gradualmente i carboidrati (aumentano i livelli di leptina e l’attività degli ormoni della tiroide) per riattivare il metabolismo. Aumentando ogni settimana gradualmente le kcal e i carboidrati andremo a migliorare il metabolismo. Ecco ora alcuni consigli da seguire con la Resrve Diet per velocizzare il metabolismo e dimagrire mangiando.

La prima cosa da fare è valutare lo stato iniziale ovvero peso, percentuale di massa magra e grassa, macros necessari. Poi bisogna provare ad aumentare le calorie poco per volta a settimana. Purtroppo non c’è una risposta giusta per tutti. E’ necessario andare un po’ per tentativi.  Aggiungete 50/100 calorie a settimana in più al vostro tetto calorico. E’ importante aumentare le calorie mantenendo un’alimentazione equilibrata che apporti le giuste quantità di carboidrati, proteine e grassi. Non si può fare senza carboidrati, per esempio. Quando vi accorgerete di aver messo troppo peso (più di 2 chili stabili per almeno due-tre settimane) e di stare continuando ad aumentare avrete raggiunto il vostro tetto calorico massimo. è importante quindi per proseguire la dieta tagliare il 15% del vostro nuovo tetto calorico.

A questo punto  inizierete a perdere entro un altro mese il peso guadagnato nella fase precedente.

0

0

0

0

0

Dieta al contrario
Dimagrire mangiando
Reserve diet
Come dimagrire mangiando
Dieta per dimagrire
Dimagrire
Dieta
Ultime notizie dieta
Commenti
Dieta al contrario per dimagrire mangiando: ecco la Reserve Diet
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Dieta Abs Diet per dimagrire senza contare calorie e scolpire i muscoli
News Successiva
Silvestri: Virus più buono? Malati gravi da 10% a 1%