Curiosità

Arriva la Luna del fiore dopo la superluna Rosa di aprile: il 7 maggio

Domani sera alle 20,30

0

0

0

0

1

Arriva la Luna del fiore dopo la superluna Rosa di aprile: il 7 maggio Arriva la Luna del fiore dopo la superluna Rosa di aprile: il 7 maggio

Il mese di Maggio è appena iniziato ma ci riserva subito uno spettacolo astronomico meraviglioso: dopo la “Superluna” Rosa di Aprile, trasmessa in diretta video nazionale, arriva il momento di un’altra Luna Piena, la Luna del Fiore. La Luna di domani apparirà nettamente più grande rispetto al solito tanto da esserle assegnato il soprannome di “Superluna”: sarà infatti alla massima vicinanza dalla Terra (Perigeo) a circa 361.180 km, rispetto la distanza media di circa 384.000 km.

Il culmine della vicinanza di questa nuova “Superluna” si avrà domani, Giovedì 7 Maggio alle ore 12:45 ora italiana ma per osservarla bisognerà attendere dopo il calar del sole, intorno alle ore 20:30, quando sorgerà all’orizzonte e apparirà ancora più grande per effetto della rifrazione atmosferica. Ad attendere questa “Alba Lunare” ci sarà lo Staff di Astronomitaly che, a partire dalle ore 20:30, mostrerà le immagini della Luna in Diretta nazionale con i Telescopi.

La diretta, che si potrà vedere sui canali Youtube e Facebook di Astronomitaly, sarà presenziata da Fabrizio Marra, fondatore di Astronomitaly – Rete Nazionale del Turismo Astronomico, Elisa Fardelli - Astrobiofisica, Andrea Orlando – Fisico e dottore di ricerca in astrofisica nucleare, presidente dell’Istituto Archeoastronomia Siciliana. Come di consueto Astronomitaly coinvolgerà anche il settore Turistico illustrando le migliori destinazioni ideali per osservare le stelle fra “I cieli più belli d’Italia”, un doveroso sostegno per un settore fondamentale ed in forte difficoltà a causa del Covid19.

Nel corso della diretta video nazionale, in occasione della Luna Piena del Fiore, gli ospiti avranno il piacere di esplorare la Luna sotto molteplici aspetti, astronomici e folkloristici: dalla sua formazione alle influenze sulla Terra e sugli esseri umani. Tra questi comprenderemo il significato della Luna del Fiore che proviene dalle leggende dei nativi americani, in quanto la Luna Piena di Maggio coincideva con il periodo delle grandi fioriture. Ci sono poi ulteriori leggende riguardo al nome della Luna di Maggio, come quelle che vedono il nostro Satellite soprannominato “Luna del Latte” o “Luna della Semina del Mais”, anche qui sempre per motivi legati al momento della semina e degli allevamenti.

Luna Piena del Fiore coinciderà inoltre con un altro fenomeno: il picco delle stelle cadenti tipiche del mese di Maggio, le Eta Aquaridi. Uno sciame di meteore appartiene ai residui della nota cometa di Halley e bene osservabili fino al 12-13 di Maggio, specialmente a tarda notte. Le condizioni meteorologiche previste per la serata di domani appaiono buone su gran parte d’Italia, ad eccezione di qualche transito di nubi alto-stratificate sull’Arco Alpino e sul medio versante tirrenico a causa dei possibili residui di rovesci temporaleschi previsti nel pomeriggio.

Occhi dunque puntati al cielo notturno domani: tra Luna Piena del Fiore e stelle cadenti Eta Aquaridi, avremo molto da osservare, oltre alla vista del pianeta Venere al tramonto e dei pianeti Giove, Saturno e Marte all’alba. Tenete a portata di mano gli Smartphone e le Reflex: inviate i vostri scatti ad sul gruppo Facebook “Astroturismo: l'emozione di viaggiare e guardare le stelle”, le migliori saranno mostrate durante la diretta nazionale e caricate sulla Pagina Facebook Astronomitaly.

0

0

0

0

1

Luna del fiore
Luna sette maggio
Superluna rosa aprile
Ultime notizie luna
Commenti
Arriva la Luna del fiore dopo la superluna Rosa di aprile: il 7 maggio
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Calabroni giganti killer dal pungiglione letale, quanto sono pericolosi?
News Successiva
Risorse idriche, 'sempre più critica la situazione nel Bacino Padano'