Moda e spettacolo

Coronavirus, morto l'attore Philippe Nahon

Noto per i suoi ruoli nel cinema thriller e horror,

0

0

0

0

0

Coronavirus, morto l'attore Philippe Nahon Coronavirus, morto l'attore Philippe Nahon

Parigi, 19 apr. - - di Paolo Martini. L'attore francese Philippe Nahon, caratterista noto soprattutto per i suoi ruoli nel cinema thriller e horror, noto al pubblico francese come una sorta d'icona del maniaco o dell'assassino ma anche del poliziotto ben supportato dalla corporatura e dallo sguardo vissuto, è morto oggi all'età di 81 anni dopo una lunga malattia aggravata dall'infezione del coronavirus. L'annuncio della scomparsa è stato dato sui social dallo sceneggiatore e attore francese Alexandre Astier, autore della serie tv "Kaamelott" in cui Nahon veste i panni di Goustan de Carmèlide, e dalla Cinèmatèque de France.

Nato il 24 dicembre 1938, a Parigi, era sposato con l'attrice Elisabeth Weissman. Il primo ruolo sul grande schermo per Nahon arrivò nel 1962 con "Lo spione" di Jean-Pierre Melville. Nahon ha avuto un'importante collaborazione con il regista argentino Gaspar Noè, per il quale ha recitato nei film "Seul contre tous" (1998) e "Irrèversible" (2002), nel mediometraggio "Carne" e nel cortometraggio "Sodomites". Ha recitato anche in "War Horse" (2011) di Steven Spielberg; è stato il capo poliziotto nel cult-movie "L'odio" di Mathieu Kassovitz (1995), con cui ha collaborato anche per "I fiumi di porpora" (2000). E' apparso anche in "Kill me please" (2010), film di Olias Barco vincitore al Festival del cinema di Roma, e in "Il patto dei lupi" (2001), thriller in costume di alta qualità e ne "Il maggiordomo del castello" (2001).

Tra le sue interpretazioni si ricordano: "Un marito è sempre un marito" di Serge Friedman (1976), "I visitatori 2 - Ritorno al passato" di Jean-Marie Poirè (1998), "Una vita alla rovescia" di Rolando Colla (1998), "Una questione privata" di Guillaume Nicloux (2002), il noir "Le deuxième souffle" di Alain Corneau (2007), "Mammuth" di Gustave de Kervern e Benoît Delèpine (2010) e "Adèle e l'enigma del faraone" di Luc Besson (2010). Tra le sue ultime apparizioni "La storia di Cino" (2014) di Carlo Alberto Pinelli.

Attivo nelle serie tv francesi ha preso parte a numerosi produzioni tra cui "Il commissario Moulin", "Julien Fontanes, magistrato", "Il comandante Florent" e "Il commissario Cordier".

0

0

0

0

0

Morto
Morto philippe nahon
Cinema thriller
Commenti
Coronavirus, morto l'attore Philippe Nahon
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Addio a Gene Deitch, disegnatore e regista di Tom & Jerry e Braccio di Ferro
News Successiva
Amadeus rifarà il Festival: Non il bis ma il primo dopo il virus