Politica

Virus

Coronavirus Ragusa, arrivano solo in parte i soldi Regione Siciliana

I dem Chiavola e D'Asta chiedono un regolamento per il loro utilizzo

0

0

0

0

0

Coronavirus Ragusa, arrivano solo in parte i soldi Regione Siciliana Coronavirus Ragusa, arrivano solo in parte i soldi Regione Siciliana

Ragusa - Ritornano, i consiglieri comunali Pd di Ragusa, Mario Chiavola e Mario D’Asta, sulla questione dei fondi regionali per l’emergenza e pongono sul tavolo anche quella del regolamento per stabilire i requisiti di distribuzione su cui dovrebbe decidere il consesso cittadino che però ancor oggi non si è trovato modo di far operare in modalità di conference call.  Vediamo in ordine cosa dicono i due consiglieri democratici “solo in queste ultime ore si è appreso che sono arrivati, complessivamente, circa 30 milioni di cui, in quota parte, 440.000 euro per l’ente di palazzo dell’Aquila, rispetto ai roboanti annunci del governatore Musumeci, proclamati lo scorso 28 febbraio, quando erano stati promessi 100 milioni di euro ai Comuni siciliani per l’emergenza sanitaria, e tra questi circa 1,5 milioni di euro al Comune di Ragusa”.

Ma lasciando da parte questa vicenda, Chiavola e D’Asta ne pongono un’altra, ovvero “quali saranno i criteri con cui il Comune di Ragusa distribuirà queste risorse”. In merito i due esponenti dem “sollecitano  il sindaco ad assumere delle decisioni conseguenti non prima, però, di un consulto necessario con il consiglio cittadino”. E qui casca l’asino per la terza volta, perchè, lamentano Mario Chiavola e Mario D’Asta “è da un mese e mezzo  che andiamo dicendo queste cose. Ma possibile che l’amministrazione comunale di Ragusa e la presidenza del Consiglio comunale, non si riescano a organizzare nella maniera dovuta per far sì che il civico consesso si riunisca utilizzando il sistema della conference call? Sembra davvero inverosimile.

E, in ogni caso, quello che è necessario, in questa fase, è la definizione del percorso utile per stabilire quali devono essere i criteri per l’attribuzione delle somme in questione”. Tornando ai fondi da ricevere da Palermo, quindi il restante 70% per circa un milione di euro,  i due consiglieri Pd pur nutrendo dubbi sulla celerità dell’erogazione, ribadiscono che occorre, però, predisporre uno specifico regolamento, individuando i requisiti, stabilendo se ci dovranno essere graduatorie e tutto ciò che serve per far sì che l’attribuzione delle suddette risorse economiche possa essere effettuata nella maniera migliore.

E se poi, nonostante le buone intenzioni e le belle parole, arrivano segnalazioni di realtà condominiali che si dicono allarmate per il fatto che entro la fine del mese devono pagare ingenti somme riguardanti il canone idrico, allora c’è davvero più di qualcosa che non funziona e che merita di essere registrata”. E concludono “ma non doveva essere tutto, o quasi, sospeso? Così aveva affermato il sindaco. Ed ecco perché l’unico luogo in cui ci si può confrontare su queste e altre tematiche del genere è il Consiglio comunale. E’ chiaro che, con riferimento alla stesura del regolamento, siamo arrivati in ritardo perché, nonostante l’amministrazione comunale sia da noi stata compulsata più volte a tal riguardo, non ha ritenuto opportuno muovere un solo passo lungo questa direzione.

E, adesso, che cosa si farà? Come si interverrà? Come si deciderà di distribuire queste risorse? Per tutta questa serie di motivazioni, chiediamo che il civico consesso svolga il proprio ruolo di controllo, vigilanza e trasparenza da una parte, e di proposta dall'altro. E, soprattutto, chiediamo che, in tempi celeri, si definisca lo strumento del regolamento online che, secondo noi, è l’unico possibile per fornire garanzia di equità a tutta la cittadinanza che ha bisogno”. (da.di.) (Foto repertorio)

0

0

0

0

0

Coronavirus ragusa
Fondi regione ragusa
Consigliere mario chiavola
Consigliere mario dasta
Articolo diRedazione

Quotidiano di Ragusa

Commenti
Coronavirus Ragusa, arrivano solo in parte i soldi Regione Siciliana
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Ragusa, che fine ha fatto la quota dei soldi della Regione?
News Successiva
Governo rispetti Sicilia, no approdo di Aida Mari con migranti a Palermo