Attualità

Vandali a Ragusa nonostante emergenza coronavirus

Distrutto canestro per il basket del City

0

0

0

0

0

Vandali a Ragusa nonostante emergenza coronavirus Vandali a Ragusa nonostante emergenza coronavirus

Neanche l'emergenza coronavirus che impone a tutti di restare a casa ferma l?€?azione dei vandali a Ragusa che distruggono un canestro per il basket del City

Ragusa - I vandali non si fermano neanche nel periodo dell’emergenza sanitaria per il coronavirus che impone a tutti di non uscire di casa se non per motivi espressamente indicati delle norme varate per contenere l’espansione dell’epidemia. Stamane infatti è stato trovato rotto il canestro per il basket che da tempo il Comune ha installato nella piazzetta dell’area pubblica sottostante il City all’interno del Parco Giovanni Paolo II.  “E’ veramente inconcepibile - dichiara l’assessore allo sport Eugenia Spata -  registrare questo nuovo atto vandalico ai danni del canestro dell’area pubblica ubicata nei pressi  di via Natalelli; circa un mese fa avevamo riparato lo stesso canestro che era stato anche allora nottetempo preso di mira da  delinquenti che hanno pensato bene arrecare un danno ad una struttura che viene utilizzata da tanti giovani.

Inimmaginabile che anche in questo periodo in cui sono in vigore delle norme che impongono di restare a casa, i soliti vandali agiscono indisturbati e compiono atti di inciviltà assoluta danneggiando strutture che appartengono alla città. Abbiamo già segnalato alle autorità competenti questo nuovo atto vandalico ad opera di ignoti”.

0

0

0

0

0

Vandali
Vandali ragusa
Canestro city
Ultime notizie coronavirus ragusa
Commenti
Vandali a Ragusa nonostante emergenza coronavirus
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
I migranti della nave Alan Kurdi non sbarcano a Pozzallo
News Successiva
Coronavirus e buoni spesa: Comuni tengano conto dei poveri senza fissa dimora