Economia

Emergenza Covis 19, Banca Agricola Popolare di Ragusa anticipa pensioni

Pagamento da domani 26 marzo

0

0

0

0

0

Emergenza Covis 19, Banca Agricola Popolare di Ragusa anticipa pensioni Emergenza Covis 19, Banca Agricola Popolare di Ragusa anticipa pensioni

Ragusa - La BapR, al fine di dare un ulteriore concreto supporto in questo momento di emergenza al suo territorio d’elezione, a partire da domani 26 marzo provvederà all’accredito delle pensioni di tutti i suoi clienti. L’iniziativa, tra l’altro, per quanti ancora ricevono l’accredito su depositi a risparmio, consentirà un afflusso più graduale presso i propri sportelli, da regolare previo appuntamento. La decisione, assunta dalla Banca in deroga al normale flusso dei pagamenti e con conseguenti oneri a suo carico, rientra tra le misure adottate dall’Istituto per garantire anche la tutela della salute dei dipendenti e dei clienti.

Solo nel periodo da giovedì 26 marzo e fino a mercoledì 1° aprile tutte le filiali della Bapr saranno aperte al mattino. Dal 2 aprile saranno ripristinati gli orari ed i giorni di apertura limitati, già adottati dalla banca in questo particolare periodo di emergenza sanitaria. Tutti i dettagli dell’iniziativa ed i numeri telefonici dei singoli sportelli sono disponibili sul sito della banca all’indirizzo www.bapr.it. La Bapr rinnova l’invito a ricorrere al massimo a tutti gli strumenti di operatività a distanza fruibili (sito Web, App, ATM, Versafacile, registrazione telefonica per compravendita titoli) ed a recarsi in filiale, previo appuntamento, solo in caso di impellenti esigenze.

0

0

0

0

0

Commenti
Emergenza Covis 19, Banca Agricola Popolare di Ragusa anticipa pensioni
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Modica, i negozi di ottica possono riaprire: ecco quando
News Successiva
Covid 19 Ragusa, cassa integrazione in deroga: ecco il numero da chiamare