Moda e spettacolo

Moda: dalla fattoria al catwalk, lana tracciata di Garfagnana sposa tessuti hi-tech

Sfila al Micam grazie a Istituto Modartech

0

0

0

0

0

Moda: dalla fattoria al catwalk, lana tracciata di Garfagnana sposa tessuti hi-tech Moda: dalla fattoria al catwalk, lana tracciata di Garfagnana sposa tessuti hi-tech

Milano, 18 feb. - Dalla fattoria alla passerella: la lana della Garfagnana, tracciata fino alla fattoria da cui proviene il vello delle pecore, incontra tessuti altamente performanti nella Modartech Collection e sfila al Micam, il salone internazionale leader del settore calzaturiero, crocevia di nuove tendenze in ambito moda e accessori. Succede domani, martedì 18 febbraio, a Fiera Milano Rho, nell'ambito della partnership tra Micam e Piattaforma Sistema Formativo Moda, associazione che riunisce accademie e università del territorio italiano, tra cui Istituto Modartech, scuola di alta formazione con sede a Pontedera e percorsi formativi attivi nei principali distretti manifatturieri della Toscana.

Tre gli outfit studiati dagli studenti Modartech per la sfilata 'Elements of Sustainability', che vedrà la partecipazione di tutte le scuole della Piattaforma. 'Modartech Collection - Contemporaneità e Memoria' è il titolo del progetto collettivo che mira a innovare l'industria della moda valorizzando l'incontro tra creatività, territorio, antichi saperi artigiani, sostenibilità e tecnologia performante.

Istituto Modartech sarà protagonista al Micam anche mercoledì 19 febbraio: le studentesse Federica Barsetti e Giulia Barbieri del corso Fashion Design sono, infatti, finaliste del contest creativo di fashion shoes 'Disegna la tua Thierry Rabotin', promosso da Parabiago Collezioni. In occasione del ventennale, l'azienda ha invitato aspiranti designer di tutto il mondo a cimentarsi nella progettazione di un nuovo modello di scarpa. La giuria, composta da Parabiago Collezioni, Amica, edizioni AF, Confindustria Altomilanese, decreterà il vincitore in base a originalità e qualità del progetto e ne valuterà l'inserimento nella prossima collezione. La premiazione è prevista per le ore 11 allo stand di Thierry Rabotin durante Micam.

Istituto Modartech è una scuola di alta formazione autorizzata dal Miur al rilascio di diplomi accademici equivalenti alla laurea breve. La sede principale si trova a Pontedera, nel cuore della Toscana riconosciuta in tutto il mondo per il made in Italy, oggi al centro di un distretto dell'industria 4.0. Da qui l'istituto ha intessuto relazioni con i principali distretti del territorio: dal cuoio al tessile, dall'abbigliamento alla pelletteria. La più recente collaborazione, con Showmates, ha dato vita a un nuovo corso di formazione sul territorio di Scandicci, alle porte di Firenze, dove l'offerta didattica si concentra su modellistica per borse e pelletteria. Conta su una rete di partner diffusi in un raggio di 40 km tra le province di Firenze e Pisa, territorio ricco di produzioni di alto profilo, dove gli studenti possono costruire le proprie competenze attraverso un'esperienza formativa unica.

Piattaforma Sistema Formativo Moda, associazione nata a Milano nel 2008, riunisce istituti di formazione, accademie e università del territorio italiano che forniscono in tutto o in parte percorsi formativi relativi al settore della moda. Le scuole che compongono l'associazione hanno da sempre uno stretto legame con il patrimonio culturale, storico e industriale italiano costituendo un segmento fondamentale nello sviluppo di innovazione e nella creazione di nuovi talenti e creando gli strumenti per allineare offerta formativa e esigenze di mercato.

0

0

0

0

0

Commenti
Moda: dalla fattoria al catwalk, lana tracciata di Garfagnana sposa tessuti hi-tech
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
'La vita davanti a sè', il nuovo film di Sophia Loren su Netflix
News Successiva
Kasia Smutniak: "Per la vitiligine sono finita dai santoni"