Sicilia

Sicilia: aggressioni a operatori 118, telecamere su 200 nuove ambulanze

La misura predisposta dall'assessore alla salute Ruggero Razza

0

0

0

0

0

Sicilia: aggressioni a operatori 118, telecamere su 200 nuove ambulanze Sicilia: aggressioni a operatori 118, telecamere su 200 nuove ambulanze

Palermo, 17 feb. - Telecamere sulle ambulanze per fronteggiare l'emergenza aggressioni agli operatori del 118 siciliano. La misura, predisposta in accordo con l'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza, è stata annunciata dal presidente del cda della Seus Davide Croce. Tutte le 200 nuove ambulanze della Seus saranno dotate di telecamere, con sistema di registrazione protetto e nel rispetto della normativa relativa alla privacy. Le telecamere saranno situate all'esterno dei mezzi di soccorso, in ognuno dei quattro lati: una anteriore, una posteriore e sulle due fiancate.

"Questa misura anti-aggressione, prevista all'interno del bando pubblicato alcune settimane fa, è stata concertata insieme all'assessore Ruggero Razza per tutelare i nostri operatori - sottolinea Croce - Siamo orgogliosi della professionalità e della dedizione che contraddistinguono gli autisti-soccorritori, i medici e gli infermieri a bordo delle ambulanze del sistema di emergenza-urgenza siciliano ed è paradossale, assurdo e intollerabile che, nell'assolvere alla propria mission, siano talvolta oggetto di minacce o addirittura aggressioni fisiche". Oltre alle telecamere, ha annunciato Croce, sono allo studio "ulteriori misure per salvaguardare l'incolumità di tutti gli operatori dell'emergenza-urgenza siciliana".

0

0

0

0

0

Commenti
Sicilia: aggressioni a operatori 118, telecamere su 200 nuove ambulanze
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Coronavirus, caso sospetto a Siracusa: cinese in ospedale
News Successiva
Palermo: Gdf devolve in beneficenza 230 paia di scarpe sequestrate