Italia

Aziende che emettono buoni pasto favorevoli a voucher elettronici

Potrebbe essere un problema

0

0

0

0

0

Aziende che emettono buoni pasto favorevoli a voucher elettronici Aziende che emettono buoni pasto favorevoli a voucher elettronici

"Per gli operatori potrebbe essere un problema, almeno sul breve periodo, perche' potra' capitare che qualche impresa, per pigrizia o per imperizia, preferisca abbassare il valore del buono pasto ai suoi dipendenti piuttosto che adeguarsi alla digitalizzazione e alla dematerializzazione dei voucher".

Cosi' Emmanuele Massagli, presidente di Anseb, su WeWelfare.it, in merito alla possibilita' che le aziende che emettono buoni pasto possano subire una riduzione del fatturato sul breve periodo per poter contribuire alla digitalizzazione dell'economia del Paese. Ma gli emettitori hanno accettato il rischio: oltre alle quattro societa' associate in Anseb (Edenred, Day, Sodexho e Cirfood), anche gli altri principali operatori (Repas, Pellegrini, Ep, YesTicket) stanno scommettendo sull'utilizzo di questo tipo di benefit per i loro dipendenti. Oggi il 60% dei buoni pasto emessi e' gia' elettronico. Nel 2015 erano solo il 30%. Nei prossimi tre anni Anseb scommette sulla quasi totalita' del mercato digitalizzato. "In realta' noi speriamo che siano molte le imprese che vorranno cogliere l'opportunita' di aumentare il valore del buono fino a 8 euro, scommettendo sulla digitalizzazione", aggiunge Massagli. "Il buono pasto e' il primo step di un processo di welfarizzazione in azienda", conclude.

0

0

0

0

0

AziendeEmettonoBuoniPastoFavorevoliVoucherElettronici
Commenti
Aziende che emettono buoni pasto favorevoli a voucher elettronici
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Torna a crescere la produzione di rifiuti, differenziata in aumento
News Successiva
Lavoro, sindacati chiedono risposte concrete alla politica