Salute

Salute cervello: stimolazione cognitiva contro invecchiamento a Ragusa

Da mercoledì 4 dicembre

Salute del cervello, stimolazione cognitiva per prevenire l’invecchiamento cerebrale, al via da mercoledi’ i corsi programmati dall’Anteas Ragusa nella sede di viale dei Platani. Si parte.

Mercoledì prossimo, 4 dicembre, primo appuntamento con i gruppi di stimolazione cognitiva promossi dall’Anteas Ragusa all’insegna del motto “Mantieni attiva la tua mente”. L’appuntamento si terrà nella sede di viale dei Platani 37 a partire dalle 10 e sino alle 11,15. Gli incontri saranno guidati dalla dottoressa Teresa Ferraro, psicologa e master di II livello in Psicologia dell’invecchiamento conseguito all’Università di Padova. C’è ancora tempo per iscriversi rivolgendosi alla segreteria Anteas di viale dei Platani. Il corso sarà rivolto a gruppi di dieci partecipanti composti da persone con un’età maggiore di 55 anni. Molto entusiasta il presidente Anteas, Rocco Schininà, per i riscontri ricevuti.

“Sapendo che l’obiettivo che ci prefiggiamo è quello di mantenere la mente attiva prevenendo l’invecchiamento cerebrale – afferma Schininà – sono parecchie le persone, che invitiamo anzi ad effettuare in maniera sollecita la relativa prenotazione così da potersi assicurare la partecipazione, che ci hanno chiesto informazioni per capire come si svolgono gli incontri. Diciamo che saranno effettuati degli esercizi cognitivi con lo scopo di assicurare il senso di autoefficacia. Vogliamo favorire il benessere psicosociale dei partecipanti e affinché questo accada è opportuno che si possa seguire un determinato percorso. Abbiamo programmato di tenere dodici incontri, una volta a settimana.

Li riteniamo sufficienti per far sì che l’attenzione cognitiva dei partecipanti possa rimanere sempre elevata. E poi abbiamo dalla nostra una grande professionista come la dottoressa Ferraro che ci condurrà per mano verso la concretizzazione degli obiettivi che ci siamo messi in testa di conseguire. Invito tutti gli interessati a venirci a trovare. Così chiariremo ancora meglio quali possono essere i benefici effetti della stimolazione cognitiva”.