Attualità

Enrico Guarneri ieri a Ragusa

Per Teatro in Primo Piano

0

0

0

0

0

Enrico Guarneri ieri a Ragusa Enrico Guarneri ieri a Ragusa

Teatro in Primo Piano, la speciale interpretazione di Enrico Guarneri ha convinto il pubblico ragusano che ieri sera ha applaudito a più riprese

Teatro in Primo Piano, la speciale interpretazione di enrico guarneri ha convinto il pubblico ragusano che ieri sera ha applaudito a più riprese il mastro Don Gesualdo con la regia di Guglielmo Ferro. È stata una vera e propria sfida.

Quella che hanno raccolto Guglielmo Ferro, regista, ed Enrico Guarneri, protagonista principale. Con il Mastro don Gesualdo, un titolo celebre, un testo che ha fatto la storia della letteratura, che ha portato innovazione nel panorama italiano eleggendo a protagonista un uomo qualunque, la proposta della rassegna “Teatro In Primo Piano”, organizzata dall’associazione Progetto Teatrando al Perracchio di Ragusa, ha raggiunto ieri sera livelli molto elevati. Come non lasciarsi stregare dalla prosa “popolare” così coinvolgente, espressiva ed emozionante di Verga? Il numeroso pubblico presente ha subito compreso che nel “Mastro don Gesualdo” portato in scena da Enrico Guarneri avviene qualcosa di speciale.

Ci si rende subito conto che le barriere issate, anche se involontariamente, crollano, si sfaldano dopo pochi minuti grazie ad una brillante recitazione. L’attore ha calzato con impressionante disinvoltura i panni del protagonista del romanzo, caratterizzandolo in ogni fase della sua esistenza: gli ha dato voce, gli ha dato cuore, insomma gli ha dato vita. Con un linguaggio preziosamente “sporcato” dal dialetto siciliano, con una meravigliosa forza espressiva quasi primitiva, con un tono ora feroce, ora deciso, a volte simile a un grugnito o con un parlare biascicato, è riuscito a stregare i presenti scacciando ogni dubbio anche ai più affezionati lettori verghiani presenti in sala. La centralità del personaggio è stata ribadita da una scenografia minimale, che non ha distratto ma piuttosto ha completato la sua figura: proiezioni sul fondo del palco, strutture semoventi, pochissimi oggetti di scena per descrivere ora una situazione ora un’altra, per portare il pubblico in una campagna, in una stanza o in una chiesa, per guidarlo attraverso i salti temporali voluti dalla regia di Guglielmo Ferro.

La messa in scena di quest’ultimo è stata caratterizzata da un alternarsi di flashback, di ricordi, di desideri negati, di sofferenze presenti e di leggi severe. Leggi in cui vince chi urla di più, chi ha più soldi, chi sa imporsi in un mondo guidato ed oppresso da uno sfrenato materialismo. È una logica 

0

0

0

0

0

Enrico
Guarnieri
Teatro
Primo
Piano
Commenti
Enrico Guarneri ieri a Ragusa
Il tuo messaggio è stato correttamente registrato e sarà valutato al più presto da un moderatore.
Ho letto l'informativa sulla la tutela della privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali inseriti.
News Precedente
Maltempo, allerta meteo arancione: chiuse alcune strade a Modica
News Successiva
Ragusa, dipendenti comunali in agitazione