Salute

Dieta sportiva per chi pratica sport: due esempi di menù

Ecco cosa mangiare e cosa evitare

La dieta sportiva è una dieta ideale per chi pratica sport. La dieta sportiva si basa su una alimentazione composta da cinque mini pasti equilibrati giornalieri.

La dieta sportiva si pone come obiettivi primari quelli di assicurare un apporto di calorie sufficiente a coprire i dispendi energetici e a far fronte alle molteplici esigenze nutrizionali dell’atleta al fine di promuovere e conservare un elevato livello di benessere psico-fisico. Ma quali sono gli alimenti che si possono inserire nella dieta sportiva? Gli alimenti della dieta sportiva sono diversi, eccone alcuni: pasta e patate, pasta e fagioli, pasta e ceci, minestrone di verdure e altri gustosi mix possono darvi il gusto fabbisogno energetico per un pasto. I cibi da evitare nella dieta sportiva invece sono: i fritti, i condimenti eccessivi, il burro e i formaggi grassi, gli insaccati (con l’eccezione di bresaola e prosciutto crudo magro), i dolci con troppi zuccheri.

Le bevande ottimali: l’acqua è sicuramente fondamentale. Nei periodi di allenamento intenso l’apporto consigliato è di 50 ml/kg ed è utile bere sia durante l’allenamento sia durante le gare (200 ml di acqua o glucosio al 2,5 ? 10% ogni 15 minuti a piccoli sorsi). L’acqua è la bevanda migliore per gli sportivi. L’integrazione con zuccheri, vitamine e minerali è secondaria. La dieta sportiva vieta ogni tipo di bevanda alcolica. Ma vediamo due esempi di dieta sportiva, prendendo in esame un singolo giorno. La prima è indicata durante i periodi di allenamenti intenso e per chi svolge, anche se da amatore, spesso delle gare. La seconda è particolarmente indicata per chi svolge attività sportiva 3-4 volte la settimana, in maniera costante ma senza allenamenti particolarmente intensi.

Primo esempio: colazione con un bicchiere di latte intero con un cucchiaino di orzo e miele e pane di frumento con 2 cucchiai rasi di marmellata e una mela. Spuntino: due fette biscottate con un velo di marmellata. Pranzo: penne al pomodoro, spigola ai ferri e insalata di pomodori. Merenda: un frullato di frutta con 2 cucchiai rasi di zucchero. Cena: risotto al parmigiano e verdure alla griglia e un panino. Secondo esempio: colazione con un bicchiere di latte, due fette biscottate con un velo di marmellata o miele e un caffè. Spuntino: un succo di frutta fresca o centrifugato di frutta con zucchero. Pranzo: patate arrosto, un panino di frumento, insalata di lattuga e due mele cotte. Merenda: un tè verde e una banana. Cena: bresaola e verdure miste a scelta tra spinaci, bietole e carote. Prima di andare a letto una tisana al finocchio.

Come sempre nelle diete pubblicate sul nostro sito raccomandiamo di chiedere il parere del proprio medico o di uno specialista soprattutto se si soffre di patologie importanti come diabete, pressione alta e non solo. La dieta sopraelencata è una dieta indicativa. La dieta deve essere sempre elaborata da uno specialista in base alle caratteristiche della singola persona.