Salute

Salute, a Ragusa corsi per la mente e contro invecchiamento cognitivo

Organizzati da Anteas

Mantieni attiva la tua mente, Anteas Ragusa promuove corsi specifici per prevenire l’invecchiamento cognitivo. Dopo avere presentato, nei giorni scorsi, la programmazione per la stagione 2019-2020, l’Anteas Ragusa scende più nel dettaglio con riferimento agli appuntamenti che, presso la sede di viale dei Platani, ne caratterizzeranno l’attività.

E’ il caso della creazione dei gruppi di stimolazione cognitiva che, all’insegna dello slogan “Mantieni attiva la tua mente”, contempla una serie di incontri condotti dalla dottoressa Teresa Ferraro, master di II livello in Psicologia dell’invecchiamento all’Università di Padova. Gli incontri, della durata media di circa 75 minuti, si tengono una volta a settimana, il mercoledì mattina dalle 10 alle 11,30. “Il nostro cervello – sottolinea il presidente di Anteas Ragusa, Rocco Schininà – possiede una plasticità neuronale. E, infatti, come un vero e proprio muscolo, se sottoposto a stimoli cognitivi, ha la capacità di riorganizzarsi e rafforzarsi. E questo potenziamento può avvenire a qualsiasi età.

La stimolazione cognitiva attiva le abilità come l’attenzione, la concentrazione, la memoria, la logica ma anche il ragionamento, l’immaginazione, la creatività e previene i cambiamenti dovuti all’invecchiamento cerebrale. Ecco perché ci siamo posti un obiettivo che è quello di stimolare il cervello, allenando la curiosità, circostanza che aiuta ad invecchiare bene. Il percorso che come Anteas Ragusa abbiamo predisposto è destinato a coinvolgere gruppi di circa dieci partecipanti con età maggiore ai 55 anni. Ai componenti di ciascun gruppo saranno proposti esercizi e attività che stimolano l’attivazione delle funzioni cognitive, in un contesto giocoso e positivo. Gli obiettivi che ci siamo posti sono quelli di mantenere la mente attiva e prevenire l’invecchiamento cerebrale, migliorando il tono dell’umore e il senso di autoefficacia, favorendo, in più, il benessere psicosociale dei partecipanti”.