Benessere

Dieta senza fibre per intestino irritabile e Morbo di Chron

Ideale anche per chi soffre di diverticolite

La dieta senza fibre è la dieta ideale per chi soffre di intestino irritabile, morbo di Chron e diverticolite. La dieta senza fibre si basa su un regime alimentare con un limitato apporto di fibre dietetiche ovvero si basa su una nutrizione con cibi con poche fibre, allo scopo di rallentare i movimenti peristaltici.

La dieta senza fibre è la dieta più seguita dalle persone che di solito hanno difficoltà di digestione, associata a qualche problema intestinale. La dieta senza fibre è indicata per le persone che soffrono di intestino irritabile e Morbo di Crohn, ma anche diverticolite per svariate ragioni. Intestino irritabile, Morbo di Chron e diverticolite sono malattie insidiose e debilitante che, nel caso in cui il paziente non dovesse seguire con attenzione la lista dei cibi proibiti, potrebbe andare in contro a situazioni molto pericolose. In particolare per le persone afflitte da Crohn o da forme di colite ulcerosa molto acuta, mangiare un elevato quantitativo di fibre significherebbe, molto probabilmente, andare in contro ad un intervento chirurgico di colostomia.

In caso non si tratta di disturbi così gravi, potrà essere sufficiente seguire menù con poche fibre per periodi di tempo più limitati e quindi evitare di mangiare alimenti iperfibrosi per qualche settimana, giusto il tempo sufficiente per regalare al proprio intestino un po’ di tregua, aiutandolo a recuperare energie utili per i processi digestivi. Nelle situazioni più gravi sarà invece doveroso intraprendere una dieta senza scorie.Ma vediamo cosa prevede la dieta senza fibre per chi soffre di intestino irritabile, morbo di Chorn e diverticolite. Per prima cosa prevede l’abolizione di ogni tipo di frittura, di legumi, cereali integrali, verdure filamentose e frutta con buccia, noci, semi e frutta secca e parti nervose della carne.

La dieta senza fibre invece prevede il consumo di prodotti a base di latte. Nella lista rientrano, oltre al latte, di qualunque tipo, anche lo yogurt, i formaggi morbidi, creme e budini. In caso di formaggio stagionato, la quantità massima diaria è di massimo 45 grammi. Vanno necessariamente evitati i latticini che contengono all’interno noci, semi, frutta o verdura, perchè potrebbero interferire negativamente con l’intestino. Tra gli alimenti consentiti poi ci sono: pane bianco, riso soffiato, fiocchi di mais o corn flakes, fiocchi di riso, senza incorrere in effetti negativi. Tra le verdure da consumare si può scegliere cetrioli e zucchine.

Tra la frutta si può scegliere di consumare succhi di frutta, a patto di assicurarsi che non contengano la buccia, albicocche, banane, melone giallo, anguria, mele cotogne e susine.Come facciamo sempre nelle diete pubblicate sul nostro sito raccomandiamo di chiedere il parere del proprio medico o di uno specialista prima di cambiare il proprio regime alimentare dietetico o cominciare una dieta. La dieta sopraelencata è puramente indicativa e non deve essere seguita senza aver chiesto il parere del proprio medico soprattutto se si soffre di diabete o altre patologie importanti. Infine ricordiamo che la dieta va sempre elaborata da uno specialista in base alle singole caratteristiche della persona.